Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Le conoscenze astronomiche dei Dogon
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Grandi Misteri
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Gio Set 27, 2007 5:20 pm    Oggetto:  Le conoscenze astronomiche dei Dogon
Descrizione:
Rispondi citando

Le conoscenze astronomiche dei Dogon

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Il villaggio dogon di Banani.

Si crede che i Dogon discendano dagli antichi egizi. Dopo aver vissuto in Libia per qualche tempo, essi si stabilirono in Mali intorno al 3.200 a.C., portando il loro patrimonio di leggende astronomiche.

I Dogon sono una tribù indigena che occupano da migliaia di anni una regione del Mali, a sud del deserto sahariano. La tribù, composta da circa 300.000 individui, occupa la regione della falesia di Bandiagara a sud del fiume Niger e alcuni gruppi sono stanziati nei territori attigui al Burkina Faso. I Dogon sono prevalentemente coltivatori di miglio e hanno una particolare abilità come fabbri e scultori. La tribù è molto solitaria e vive in caverne alle pendici di una collina, oppure sparsi su un altopiano roccioso facente parte dei Monti Homburi, vicino Timbuktu, nel sud-ovest del Mali. Per secoli i Dogon sono stati geograficamente e culturalmente isolati. L'impressione che se ne ricava è che ben difficilmente questa tribù possa detenere conoscenze avanzate in campo astronomico. Ma questo pregiudizio dimostra che spesso ci facciamo trarre in inganno dall'apparenza esteriore.

Storia

I Dogon si sono spostati dalla regione Mande a sud est del Mali durante il XIV secolo, per sfuggire all'ondata di islamizzazione e si sono fermati nella regione di Bandiagara che allora era abitata dai Tellem. La loro storia si collega a questo punto con quella dei vicini Bozo con cui intrattengono molti rapporti di scambio e reciprocità.

Lingua

La lingua dogon presenta caratteristiche particolari, molte varianti e molti dialetti. Ogni membro di questa popolazione ha quattro nomi: un nome proibito, segreto, un altro che è "corrente", uno che si riferisce alla madre e uno è il nome della classe di età. Per evitare problemi con le altre parole di uso comune, questi nomi sono presi dai dialetti di altre tribù Dogon. Ogni nome ha un significato linguistico.

Religione

Tradizionalmente, i Dogon praticano l'animismo e nonostante i contatti con l'Islam e con altre religioni monoteistiche, essi mantengono un legame molto forte con la fede animista. Marcel Griaule, etnologo, ha dedicato molti studi a questa popolazione, in particolare agli aspetti religiosi e alle tradizioni cosmogoniche. Nel 1936, il ricercatore ebbe una lunga conversazione con il vecchio Ogotemmêli, un hôgon ovvero un capo religioso: il loro incontro ha portato Griaule alla pubblicazione di uno dei saggi più importanti dell'antropologia classica[1], che è stato a lungo oggetto di dispute e dibattiti in ambito accademico ma non solo. Il sistema Dogon presenta un unico Dio creatore, Amma, che ha generato i suoi figli con la Terra, sua sposa: Yurugu, essere imperfetto che conosce la prima parola, Nommo essere doppio in quanto sia maschio che femmina è il maestro della parola e la insegna ai primi otto esseri umani Dogon: quattro coppie di gemelli, nati da una coppia d'argilla creata da Amma, che diverranno gli antenati.

Cerimonie

La loro antica religione animista si esprime in cerimonie e danze rituali, in cui le maschere sono il simbolo più importante. Una volta ogni sessant'anni viene celebrato il Sigui, cerimonia itinerante di villaggio in villaggio, che rappresenta la perdita dell'immortalità da parte dell'uomo attraverso la rievocazione della morte del primo antenato Dyongu Seru, rappresentato dalla iminana una grande maschera che viene intagliata a forma di serpente ed è alta circa 10 metri. Questa straordinaria maschera viene poi conservata in una grotta segreta. Il villaggio è costruito seguendo le forme umane: la testa è costituita dal togu-na, la casa della parola, una bassa tettoia dove l'hogon e gli anziani si ritrovano per discutere le questioni importanti del villaggio; il tronco e gli arti sono occupati dalle case di fango con i relativi granai dal caratteristico tetto di paglia di forma conica. Il braccio destro è costituito dallo yapunu guina, la casa dove le donne risiedono durante il periodo mestruale, in quanto impure.

Le conoscenze astronomiche dei Dogon

I primi scienziati occidentali che visitarono e studiarono i Dogon furono gli antropologi francesi Marcel Griaule e Germaine Dieterlen, che presero inizialmente contatto con la tribù nel 1931 e continuarono a studiarli per i succesivi 30 anni. Il periodo di studio più intenso e fruttifero fu quello dal 1946 al 1950. Studi poi poi rielaborati ed in parte manipolati dal libro The Sirius Mystery di Robert Temple (1975).

Ad ogni modo durante questi lavori, gli antropologi documentarono la mitologia tradizionale e le sacre credenze dei Dogon, che comprendono straordinarie conoscenze antiche riguardanti Sirio, la brillante e lontana stella della Costellazione del Cane. I loro sacerdoti raccontano di una segreta leggenda Dogon riguardante proprio la stella Sirio (distante 8,6 anni luce dalla Terra):

-Essi dicono che Sirio ha una compagna e questa è invisibile all'occhio dell'uomo.

-Essi affermano che questa stella più piccola ruota con un'orbita ellittica attorno a Sirio, impiegando 50 anni a compiere un giro completo; e, pur essendo piccola, è incredibilmente pesante, e ruota sul proprio asse.

I Dogon godono, specie tra gli ufologi e in Internet, di una straordinaria popolarità in quanto mistero legato a Sirio B è dovuto al fatto che essa risulta invisibile ad occhio nudo, e appare strano pensare che essa fosse già conosciuta ai Dogon, non avendo essi alcun mezzo per poterla osservare. Così Temple risolve la contraddizione sostenendo che i Dogon in passato siano entrati in contatto con una civiltà extraterrestre che avrebbe dato loro queste informazioni. A rafforzare questa tesi contribuisce la tradizione Dogon ove si parla della venuta di dèi anfibi sulle loro arche. Un'altra ipotesi è che questa conoscenza abbia avuto origine da contatti con la civiltà occidentale avvenuti negli anni '20 tramite i missionari. La tesi più semplice osserva che ciò che fa accostare la coppia mitologica a quella astronomica è il solo fatto di essere "coppia", e quindi sulla base di ciò ogni altra deduzione può risultare carica di significati non propri. Ma procediamo per gradi...

La stella Sirio B

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Un graffito Dogon ritraente secondo alcuni studiosi l'orbita di Sirio B attorno a Sirio.

Con un'incredibile sforzo di fantasia, i moderni astronomi chiamano Sirio "Sirio-A" e la stella più piccola "Sirio-B". Sirio-B è stata avvistata per la prima volta con un telescopio nel 1862 e non fu fotografata fino al 1970. Per i Dogon, Sirio-B si chiama "Po Tolo", espressione formata dalla parola "stella" (tolo) e da "po", il nome del più piccolo seme da loro conosciuto (che dunque significa qualcosa come granellino). Con questo nome essi vogliono significare che Sirio-B è la stella più piccola. Essi dicono infatti che Po Tolo è "la cosa più piccola che esiste" e, aggiungono, che è bianca ed "è la stella più pesante". Secondo i Dogon, Po Tolo è composta di un metallo misterioso e super-denso, chiamato "sagala" che "è più pesante di tutto il ferro contenuto nella Terra". Solo nel 1926 gli scienziati scoprirono che la piccola Sirio-B è una nana bianca, una categoria di stelle caratterizzate da un'altissima densità. Nel caso di Sirio-B, gli astronomi hanno stimato che un singolo metro cubo di questa stella possa pesare circa 20.000 tonnellate. Molti manufatti dei Dogon descrivono il sistema di Sirio, inclusa una statua esaminata da Dieterlen, vecchia di almeno 400 anni. Anno dopo anno ci sono giunte dagli astronomi le conferme che le antiche leggende dei Dogon sono scientificamente corrette: infatti è stato verificato che Sirio-B possiede un'orbita ellittica, con Sirio-A posto in uno dei due fuochi dell'ellisse; che il periodo orbitale è di circa 50 anni (esattamente 50,04 +/- 0,09 anni), e che la stella ruota sul proprio asse.

I Dogon descrivono anche una terza stella nel sistema di Sirio, chiamata "Emme Ya" ("sorgo femmina"). Nell'orbita di questa stella, essi dicono, c'è un singolo pianeta. Sino ad oggi, Emme Ya non è stata ancora identificata dagli astronomi. In aggiunta alle loro cognizioni su Sirio, la mitologia dei Dogon ci racconta degli anelli di Saturno e delle quattro principali lune di Giove. Essi usano quattro calendari, aventi come riferimento il Sole, la Luna, Sirio e Venere e da tempo immemorabile sanno che questi pianeti ruotano attorno al Sole.

La Mitologia Dogon

I Dogon ci dicono che le loro conoscenze astronomiche gli sono state trasmesse dai "Nommo", esseri anfibi inviati sulla Terra da Sirio per il bene dell'umanità. I Nommo sono anche chiamati i Padri dell'Acqua, i Guardiani e i Maestri. Secondo la leggenda Dogon, i Nommo, esseri enormi e spaventosi, arrivarono a bordo di una navicella, tra fuoco e tuoni. Dopo il loro arrivo, costruirono un bacino colmo d'acqua dove si immersero. Esistono molti riferimenti nella tradizione orale, nei graffiti e nelle tavolette cuneiformi dei Dogon, che descrivono questi esseri simili all'uomo ma con le squame al posto della pelle nella parte bassa del corpo. Dunque i Nommo erano simili a pesci e vivevano nell'acqua. Essi vengono descritti come salvatori e guardiani spirituali: "Il Nommo suddivise il suo corpo fra gli uomini affinchè se ne cibassero, per questa ragione è detto che "l'universo è ebbro del suo corpo", e fece bere l'uomo. E donò tutti i suoi principi vitali agli esseri umani". Inoltre "il Nommo fu crocifisso e resuscitò e in futuro visiterà nuovamente la Terra, questa volta in forma umana. Successivamente egli assumerà la forma anfibia e guiderà il mondo dalle acque".

La mitologia Dogon è conosciuta solo da alcuni loro sacerdoti ed è parte di un complesso sistema di conoscenze. Secondo i Dogon, questi segreti, attentamente protetti, non andrebbero facilmente divulgati agli stranieri, anche se amici. In effetti se la stella Emme Ya fosse effettivamente scoperta nel sistema di Sirio, fornirebbe un supporto notevolissimo alla tradizione dei Dogon. Sembra che i Nommo potrebebro vivere sulla terra, ma sarebbero più inclini a dimorare nell'acqua, essendo in parte simili a pesci (probabilmente una via di mezzo tra le sirene e i tritoni). Esistono testimonianze di creature simili anche in altre antiche civiltà: Oannes di Babilonia, Ea di Accadia, Enki dei Sumeri e la dea Iside degli Egizi. Secondo i Dogon è proprio dai Nommo che provengono le loro conoscenze astronomiche. Cronologicamente, le prime entità anfibie sarebbero riconducibili agli uomini-pesci dell'antica Babilonia. Sarebbero coloro che i babilonesi chiamavano "Annedoti", che può essere tradotto come "repulsivo", ma nonostante le loro sembianze poco attraenti, pare che essi abbiano influenzato a sufficienza la civiltà babilonese, che accettò i loro insegnamenti e da essi acquisì i principi fondamentali della civilizzazione. Il membro più venerabile degli Aneddoti era Oannes, rappresentato negli antichi graffiti babilonesi come un complesso e singolare ibrido di uomo e pesce, con un viso barbuto al di sotto di una testa di pesce e con un corpo di pesce, ma con una schiena umana.

Secondo le leggende babilonesi, questa divinità acquatica veniva sulla terra di giorno per diffondere i propri insegnamenti, mentre di notte si immergeva nelle acque del Golfo Persico, dove viveva, in una dimora subacquea chiamata Apsu. E' Oannes il Nommo a cui fanno riferimento i Dogon? Una figura equivalente ad Oannes è citata dalla religione dei Filistei, i quali risiedevano nell'area dell'attuale Israele. Questa divinità con il corpo di uomo e l'estremità di pesce era chiamata Dagon. Se ci spostiamo più ad est, nel basso Egitto, la località di Pharos era considerata la dimora del Padre del Mare, una divinità anfibia conosciuta come Proteus, figlio degli Oceani e considerato un oracolo dagli antichi Greci. Curiosamente, la leggenda evidenzia il fatto che Proteus cercava riparo in una caverna per evitare il calore di Sirio.

Note conclusive

Robert Temple nel suo libro Il Mistero di Sirio, cita appunto i Dogon, descrivendoli come una tribù di 100.000 uomini, insediatisi nell'Africa occidentale. Una delle prove principali portate da Temple riguarda la conoscenza dei Dogon circa la stella Sirio e la sua compagna Sirio B. Come abbiamo detto, essi sanno che Sirio B orbita attorno a Sirio in una rivoluzione di 50 anni. Temple inoltre evidenzia che questa leggenda è parte di un corpus di conoscenze astronomiche che includono la rappresentazione eliocentica del nostro sistema solare, le orbite ellittiche dei pianeti, i satelliti di Giove e gli anelli di Saturno.

Da dove provengono queste conoscenze vecchie di migliaia di anni, si chiede Temple, se non da visitatori extraterrestri? Il mistero continua.

Bibliografia

-Griaule, Marcel (1948) Dio d'acqua Torino, Bollati Boringhieri, 2005.
-Aime, Marco (2000) Diario dogon Torino, Bollati Boringhieri, 2000.

***************

FONTI: (Articolo letto su & tratto da: facs.doing.it & da Wikipedia, l'enciclopedia libera.)

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Gio Set 27, 2007 5:20 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Grandi Misteri Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008