Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il bacio.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La voce del cuore
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Aquilone







Età: 60
Registrato: 30/11/06 21:21
Messaggi: 597
Aquilone is offline 

Località: Roma
Interessi: Tutto per vivere meglio
Impiego: Progettista
Sito web: http://aquilonedellepa...

MessaggioInviato: Dom Ott 21, 2007 2:40 pm    Oggetto:  Il bacio.
Descrizione:
Rispondi citando

Roma 19 ottobre 2007, seduto sulla scalinata di una chiesa il sole tiepido mi riscaldava e in quel momento il cuore e la mente si sono accesi e hanno scritto..



Il Bacio.

Un giorno come tanti mi ritrovai sul porto a rimirare le reti dei pescatori appese ad asciugare, un richiamo insolito mi prese l’attenzione, mi voltai e vidi da lontano una donna, che sulla riva del lago agitava la mano in segno di saluto rivolto verso il battello, che piano si allontanava dalla riva. Dal battello una mano protesa ricambiava il saluto, il fumo dei motori e la sirena indicavano che il battello era ormai al largo verso la sponda opposta. Seguii con lo sguardo la donna che rimase lì ancora per un po’ come se su quella nave avesse lasciato una persona cara. Curioso di questo atteggiamento mi avvicinai a quella signora minuta nel fisico ma molto carina capelli appena sopra le spalle lisci come l’olio ed una frangetta sopra le sopracciglia, che prorompenti nascondevano gli occhi. Ormai era evidente data la mia vicinanza che volessi qualcosa da lei così lei dapprima sorrise poi chiese, <ci conosciamo?> io con sicurezza in voce risposi <no, ma sono qui per questo> la donna a questa risposta rimase sorpresa ma visto il mio coraggio volle premiarmi, e così mi disse <mi chiamo Sonia e abito qui a due passi dal lago, con chi ho il piacere di parlare?> io colpito da quello sguardo, ormai sicuro di me, con fossette e denti quasi da pubblicità replicai < io mi chiamo Sergio e non vivo qui vicino ma dall’altra parte del lago> Sonia prese per fare due passi quasi per andare via ed io mi posi davanti al suo cammino e la guardai intensamente negli occhi, cercando di rapire il suo sguardo. Dopo qualche esitazione lei alzò il bel viso, uno di quei pochi acqua e sapone, e così incrociammo lo sguardo, come una forza soprannaturale mi carpì l’anima ebbi la sensazione che si era liberata di me. Gli occhi castano chiari quasi parlanti, labbra piccole e rosate uno sguardo di superbia, la sua altezza quasi nella norma. Tutto in quel momento mi colpì come se il suo corpo mi stesse parlando. Percepivo una forte attrazione per quella donna come se da quel momento la mia vita potesse cambiare. Le chiesi di accompagnarla per un po’ verso la sua casa, non mi diede un cenno di si ma capii che potevo accompagnarla. Così a piccoli passi ci incamminammo nel viale alberato che porta verso la piccola comunità di San Lorenzo, a pochi km dal porto. La strada sembrava così diversa oggi e la mia compagnia percepivo che era di suo gradimento tanto che ogni tanto alzava la testa sorridendo alle mie buffe battute sul tempo e sull’età. Provai a tenderle la mano per pretendere la sua, mi sarei aspettato un rifiuto invece un’insolita complicità avvolse il momento, presi il tempo del passo e con cadenza regolare e posata calpestavo le foglie ingiallite di un’autunno ormai inoltrato. Lungo il viale tra le file degli alberi ogni tanto si scorgevano piccoli uccelli intenti a beccare tra rami secchi e foglie in cerca di novità. La sua mano dapprima mi sembrò fredda ma poi a poco a poco la sentii calda tanto da sembrare un fuoco, la sua pelle sembrava lavata dalla luna quasi pallida e rosata come fosse un fiore appena sbocciato. Vedevo che la sua grazia era immacolata come se la sua famiglia fosse tanto nobile e importante. Le chiesi di sederci un po’ sulla panchina sotto un grande tiglio che copriva l’intorno con la sua chioma precisa e simmetrica. Ci sedemmo e come d’istinto nel posare il mio corpo fallai un piede e le caddi praticamente fra le braccia a pochi cm dalla sua bocca, feci un gesto normale e consueto e avvicnai di più le mie labbra, con esperta esitazione Sonia rimase sulle sue poi si abbandonò a quel bacio passionale. Cosa c’è di più bello di un bacio inaspettato di uno di quelli che senti di dare, ebbene quel bacio fu un grande bacio tutto il corpo e l’anima partecipò a quel sublime obliò. Presi a stringerle fortemente la mano per rapire anche le sensazioni del corpo, ma la sua lingua ormai era avvinghiata alla mia e con fluttuare di movimenti le labbra divennero rosse come il fuoco e sentii il suo corpo vibrare come le corde di un violino. Rimasi fermo a cercare di capire il suo respiro, il suo profumo, il suo amore dentro. Le sue labbra ormai coinvolte in questo connubbio di piacere si dimenavano tra il mio collo e le mie gote con ansimare quasi frenetico, presi a baciarla ancora con vera avidità e poi mi rilassai sotto quei colpi di lingua che ora si facevano intensi e misteriosi. Sonia aveva una bocca meravigliosa che tutti avrebbero meritato di baciare. I suoi baci li ricorderò come i più belli inaspettati e non cercati ma semplicemente trovati, già come l’amore ti trova anche un bacio avvolte e lì che aspetta e ti cerca.

Sergio De Angelis

_________________
L'Aquilone delle parole
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage MSN Messenger
Adv



MessaggioInviato: Dom Ott 21, 2007 2:40 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Sab Ott 27, 2007 2:00 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

non riesco nemmeno ad avere le parole per esprimerti le sensazioni che ho provato nel leggere questa sperio storia di vita vissuta.
Complimenti Audrey
Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> La voce del cuore Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008