Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

"La mossa del matto affogato" di Roberto Alajmo
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Recensioni
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
simona







Età: 48
Registrato: 24/05/08 15:20
Messaggi: 4
simona is offline 

Località: siracusa
Interessi: scrittura e lettura
Impiego: magistrato


MessaggioInviato: Sab Mag 24, 2008 4:08 pm    Oggetto:  "La mossa del matto affogato" di Roberto Alajmo
Descrizione:
Rispondi citando

Roberto Alajmo :” LA MOSSA DEL MATTO AFFOGATO”.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Recensione a cura di Simona Lo Iacono.

Si ferma, Giovanni Alagna. Il posto è lo stesso in cui lo portò una volta suo padre. Monte Gallo. Una cima, neanche tanto panoramica, sulla città. Uno sguardo, lungo, posato su di essa.

Giovanni Alagna aspetta un attimo e osserva: può ancora intravedere l’ultima possibilità. Forse non è ancora tutto perduto.Forse può fare appello a quella scusa sempre usata, ben riuscita. O a quella manovra da prestigiatore che l’ha liberato in un colpo solo – e in più di un’occasione - da creditori molesti e amanti inopportune.

O forse no. E’ meglio prender tempo. Come quella volta in cui usò per mesi una Porche mai pagata. Ma sì. E’ meglio Alagna, dice a se stesso. Prendi tempo.

Il tempo poi. Era sempre parso un alleato,a Giovanni Alagna. Un complice affidabile e pietoso che concedeva tregua. E soldi. Da rimaneggiare e spendere. Da inventare quasi con estro e genialità. Mai da restituire.

Eppure anche il tempo da qualche giorno gli si è messo contro. Lo insegue, gli si avvita a spirale sulla groppa. Anche il tempo gli corre dietro e gli fiata sul collo. Anche il tempo.

E pare quasi uno di quegli ospiti che d’un tratto si fanno troppo molesti, che - accolti sulle prime come una ventata di novità - si trascinino dietro tutto il peso di una presenza inopportuna. Sottrae, invece di dare. Riscuote interessi. Troppi interessi.

E allora cosa. A conti fatti non c’è molto spazio intorno a lui. Neanche un ricordo. Del padre solo due precetti sboffati quasi come una rima da imparare a memoria. Della madre niente più che un‘ombratura. Una sagoma che si muove tra gli odori di disinfettante della casa di riposo.

Si dice, cosa, Alagna, cosa. E soprattutto quando. Quand’è che la corsa ha preso a impazzare. Quando la fortuna a cambiare rotta. Lo ricordi, eh Alagna? No, nemmeno tu lo ricordi. Perché, allora, dovrebbero saperlo gli altri.

Ma è sempre stato convinto che a furia di ignorarli, gli eventi, si dissolvano. Che non lascino traccia né fumo, neanche uno di quei fastidiosi resti che talvolta la vita si diverte a disseminare per strada dando agli altri l’opportunità di seguirli. Forse chiudendo gli occhi. Ecco, sì, chiudere gli occhi è la soluzione. Non guardare, Alagna, non guardare.

Ma senza guardare non si copre le spalle. Non scorge l’accerchiamento, non vede – non sa – che a crearlo , tra balzi in E1 e mosse in F3, è la sua stessa pedina, quella che aveva incoronato con festini e furbizie, quella che s’era assisa sul trono fra le tante con boria di sovrano. Non sa.

Non sa che è lui il re. E che gli altri scacchi gli si sono mossi intorno con passo felpato, con astuzia di giocatore, con guizzo d’acrobata.Non sa che tra poco, tra tre o quattro mosse non previste, non anticipate , il re non avrà più scampo.

Quando lo scoprirà - quando riaprirà gli occhi - la regina, i cavalli, le torri e persino le pedine, gli saranno già intorno. A un passo, solo un passo da lui, prenderanno a osservarlo con indifferenza. Non hanno colore nemico, e non sembrano nemmeno appartenere all’avversario: sono la sua squadra. E ciò nonostante gli marciano contro ondeggiando a ritmo di requiem.

Dopo, molto tempo dopo, saprà che è la mossa del matto affogato. Come dire scacco matto a se stesso. Come dire autogol o giocare contro corrente.E, però, che importano le definizioni. Ancora una volta Alagna si contempla e quasi spera in un’altra occasione, in un miracoloso salvataggio o in un’ assoluzione.Ma no. Non stavolta. Stavolta non c’è che da prendere l’ultima boccata d’aria…

Concepito come una sfida su un’immaginaria scacchiera , l’ultimo libro di Roberto Alajmo ( “La mossa del matto affogato”, Mondadori, € 17,00) artiglia cuore e fiato a ogni movimento delle pedine. Tra rapporti familiari lacerati e affanni di vita corsa verso una sicura disfatta , il racconto del protagonista si dipana in un serrato colloquio con se stesso, lucido fino all’ultimo atto.

La tecnica raffinatissima (un uso disinvolto e felice delle seconda persona singolare portata avanti per tutto il corso della narrazione con una padronanza appartenuta in precedenza solo al migliore Calvino), la magnetica carica evocativa e un senso dolorante del significato – o della mancanza di significato - di talune esistenze, fanno de “La mossa del matto affogato” non solo una vibrantissima voce di uomo, ma anche di una società vacua e di un tempo.

Se il re è sovrano che si arrabatta tra sotterfugi e pretesti, tra fughe più o meno consapevoli da responsabilità e domande, la scacchiera è regno – attualissimo regno - di questo monarca.E a fine partita, dopo aver osservato lo schema del gioco e contato quadranti bianchi e neri, non ci è poi così estranea come all’inizio. Né ci sottrae l’impressione di averla percorsa – anche noi – come invisibili pedine.

Simona Lo Iacono
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Sab Mag 24, 2008 4:08 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Recensioni Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008