Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Recensione del libro Oliver di Mariella Musitano
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Recensioni
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Anonymous

Ospite















MessaggioInviato: Ven Mar 06, 2009 5:53 pm    Oggetto:  Recensione del libro Oliver di Mariella Musitano
Descrizione:
Rispondi citando

Mariella Musitano, Oliver, MJM editore, pp.104 € 9.00


Chi sta veramente cercando la protagonista dell’opera di Mariella Musitano “Oliver”? L’amica del cuore, amica di sempre dalla fanciullezza ma ora così sconosciuta oppure una coscienza di sé che scopre progressivamente e che ora la conduce e la induce ad importanti svolte nel suo carattere e nella sua vita?
Scorrendo le sue pagine avvertiamo il forte sospetto di trovarci di fronte ad un doppio piano esistenziale, un gioco letterario reso in forma alternatamene narrativa ed epistolare, ideato e condotto dall’Autrice per trovare i lati sconosciuti ed inespressi della sua realtà.
Il tutto appare come un metafisico “On the road” emozionale, sentimentale ma anche fisico alla ricerca della sua amica, che sembra divertirsi ad organizzarle una specie di “caccia del tesoro” con tappe, rimandi e quesiti successivi, ma che sta vivendo purtroppo una drammatica partita con il suo destino. Percepiamo quindi un contesto di reminiscenze ed echi di film d’autore (Bergman), giochi e sfide tattiche in impossibili battaglie con la morte, immerse e in qualche modo confortate da visioni oniriche e favolistiche, che dalla prima età accompagnano il sostrato emozionale e sentimentale delle due amiche verso una vita da adulti, come per incorniciare una nuova e crudele dimensione.
In realtà sembra proprio l’affiorare di un concetto tra il letterario ed il filosofico, la ricerca contemporanea del sé tramite l’altro da sé con passaggi trans-dimensionali tra l’interrogarsi allo specchio dell’anima e il dipanarsi delle proprie vicende umane e personali, vivendo la simbiosi e le angosce di un rapporto quasi gemellare.

C'è un trasporto avventuroso dell’animo della protagonista nella vita e nella mente dell’altra persona, sua similare, che fino al doloroso epilogo della vicenda di lei accompagna la sua maturazione ed accettazione consapevole della vita e della morte.

Tornare più volte in certi luoghi dell’adolescenza e ripartire da quei luoghi fisici e della mente cari fin dall’età della fanciullezza - l’albero Oliver da abbracciare affettuosamente, come un carissimo amico, la piccola casetta di campagna riadattata alla meglio e usata più volte come propria abitazione - rifugio da ambedue le amiche in occasioni diverse, hanno un sapore di spontaneità e di sentimenti fanciulleschi che, dopo alterne fasi, si ritrovano poi con pienezza anche in età adulta, mentre con la mente sembriamo immergerci in una visione piacevolmente naturalistica, dal sapore e dall’ambientazione quasi “western”.

Un’opera fatta di lettere, dialoghi interpersonali e riflessioni intime sull’anima propria e dei propri interlocutori, una lettura coinvolgente che all’inizio si presenta come un “giallo” umano ed affettivo ma trova infine una soluzione di catarsi e rigenerazione affettiva, con il ritrovarsi finale delle persone amate nello scenario fisico ed emozionale di tutta l’opera e con l’arrivo in questo scenario di nuova vita che ne eredita ogni dimensione, materiale e sentimentale.
Paolo F. Antinori
Torna in cima
Adv



MessaggioInviato: Ven Mar 06, 2009 5:53 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Recensioni Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008