Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il teschio di cristallo
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Grandi Misteri
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Sab Mag 21, 2005 12:35 pm    Oggetto:  Il teschio di cristallo
Descrizione:
Rispondi citando

Il teschio di cristallo

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Il teschio di Mitchell - Hedges: trasparente e inquietante

-INTRODUZIONE-

Storia di un misterioso manufatto maya...

Correva il 1927, e in quel del Belize un avventuriero inglese prestato all'archeologia, "Mike" Mitchell - Hedges, rinvenne tra le rovine di Lubantuum, una città maya da lui scoperta qualche anno prima, un teschio. Che c'è di insolito? Nulla, se non fosse che il cranio, a grandezza naturale, era scolpito in un unico blocco di cristallo di rocca; un manufatto perfetto, lucido e scintillante, che nessuno è riuscito a datare con precisione e sulla cui origine ancora la nebbia è fitta. Infatti negli anni seguenti in differenti parti del Messico vennero alla luce altri manufatti simili, tanto che oggi ne esistono diversi esemplari e su tutti grava una cortina di mistero.

Il teschio di Lubaantum apparve subito di altissima qualità, ma risultò difficile scoprire come era stato scolpito; pochi segni, forse di un bulino, ma dalle ricerche storiche si sa che i Maya non utilizzavano metalli per scolpire: lavoravano pietra con pietra.

E l'età? Anche qui nebbia. Si ipotizzava una datazione intorno al 1700 a.C., ma l'origine dei Maya si colloca verso il 300 d.C. Si pensava fosse un manufatto azteco, ma questa civiltà si sviluppò molto più a nord. E se anche fosse davvero una scultura maya, qual era la sua funzione? Secondo alcuni studiosi, era un amuleto utilizzato dai sacerdoti maya per celebrare riti collegati al culto dell'oltretomba. Per altri poteva essere impiegato come lente ustoria, dal momento che, visto dall'alto, è una perfetta lente d'ingrandimento. Il legame con l'oltretomba è una delle poche cose certe: il teschio ha le orbite oculari vuote, segno che nell'iconografia maya identificava inequivocabilmente un defunto. In ogni caso troppi "forse", "probabilmente", "si pensa". Senza contare che lo stesso Mitchell - Hedges ha sempre mantenuto il segreto sul modo in cui è entrato in possesso del fatidico teschio. E senza tenere conto di quanti raccontano di avervi visto immagini demoniache, di averlo sentito urlare, di essere rimasti ipnotizzati dal suo sguardo freddo e diafano.

Del resto se la figlia di "Mike" Mitchell - Hedges, Anna, lo ha ribattezzato "teschio del destino", un motivo esisterà pure...

(Mr. Iuserfrendli)

**************

-DESCRIZIONE-

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Un teschio di cristallo è un modello di un teschio umano ricavato da blocchi di cristallo di quarzo trasparente. Alcuni di questi manufatti furono dichiarati reperti archeologici mesoamericani precolombiani dai loro pretesi scopritori. Nessuno degli esemplari resi disponibili per studi scientifici è stato tuttavia autenticato come di origine precolombiana. I risultati di questi studi dimostrano che erano stati realizzati alla metà dell'Ottocento e in periodi successivi, quasi certamente in Europa. Malgrado varie opere di letteratura popolare lascino intendere il contrario, le leggende sui teschi di cristallo non sono presenti nelle mitologie dei popoli mesoamericani o di altri nativi americani.

Ai teschi sono spesso stati attribuiti fenomeni paranormali da alcuni appartenenti del movimento New Age e sono spesso stati ritratti in questa maniera nelle opere di fantasia; l'ultima e più nota di queste rappresentazioni è nel film del 2008 Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo. I teschi di cristallo sono apparsi in numerose serie televisive di fantascienza, romanzi e videogiochi.

Nuovi teschi ricavati dal cristallo vengono prodotti e venduti regolarmente.

***************

-STORIA-

I primi teschi di cristallo compaiono sulla scena nell'Ottocento. Il British Museum ne possiede uno dal 1897. Anche un altro ente prestigioso, la Smithsonian Institution ha un teschio, donato ad essa nel 1992.

Nessun teschio di cristallo proviene da scavi documentati.

Tra i teschi posseduti da privati, è particolarmente famoso il teschio "Mitchell-Hedges". Secondo il racconto di Frederick Albert Mitchell-Hedges e della figlia Anna sarebbe stato trovato negli anni venti del XX secolo in una spedizione a Lubaantun, nell'Honduras Britannico (attuale Belize). Non vi è però traccia della scoperta del teschio nei resoconti della spedizione ed è dubbio anche che Anna vi abbia preso parte. Inoltre la ricercatrice Jane Maclaren Walsh ha scoperto che negli anni quaranta Mitchell-Hedges acquistò un teschio di cristallo.

Tra i più noti teschi di cristallo ci sono quelli chiamati "Max" e "Sha Na Ra". "Max", di proprietà dei coniugi Parks, sarebbe stato trovato in Guatemala negli anni Venti, ma anche in questo caso non c'è alcuna documentazione a sostegno di tale affermazione. "Sha Na Ra" sarebbe stato trovato in Messico da Nick Nocerino, personaggio televisivo autodefinitosi "esperto di teschi di cristallo". Nocerino non rivelò mai l'origine del ritrovamento, giustificandosi attribuendo la riservatezza a presunte "questioni di sicurezza per il personale coinvolto, a causa della situazione politica messicana". Né i teschi né gli altri oggetti che Nocerino avrebbe rinvenuto sono mai stati sottoposti ad analisi indipendenti.

Negli anni ottanta sull'onda della moda lanciata dalle pubblicazioni su questi artefatti comparvero numerosi altri teschi, dal Texas a Los Angeles; ad alcuni di questi venivano attribuite origini avventurose o poteri taumaturgici, ma di nessuno di questi si è potuta provare l'autenticità (mentre alcuni sono risultati veri e propri tentativi di truffa).

Secondo i cultori dei teschi di cristallo, di tali oggetti si parlerebbe nelle tradizioni dei Maya e di altre culture native americane, ma queste asserzioni sono da ascrivere piuttosto ad un folclore degli ultimi decenni applicato retrospettivamente.

Nel 1970 il teschio Mitchell-Hedges venne affidato al laboratorio della Hewlett-Packard guidati da Frank Dorland in quanto centro di eccellenza per la ricerca sui cristalli. I risultati vennero pubblicato in un articolo dal titolo "history or hokum?" dove il secondo termine possiamo tradurlo con "nonsenso". In esso risulta soltanto che è stato scolpito in un blocco unico di materiale. L'articolo conclude che si tratta di un bellissimo pezzo artistico, ma non c'è modo di datarlo.

Non risponde inoltre a verità che "gli scienziati affermarono alla fine della analisi che il teschio sembrava essere stato scolpito con un moderno laser o con ceselli di precisione". Da notare che gli impieghi ablativi del laser si sarebbero avuti solo negli anni novanta.

Nel 1996 i teschi del British Museum e della Smithsonian Institution sono stati sottoposti ad analisi presso il British Museum che hanno rivelato segni di lavorazione con strumenti disponibili nell'Europa della seconda metà dell'Ottocento. Anche questo elemento suggerisce che si tratti di falsi fabbricati in tale periodo. In quell'occasione erano stati portati anche i teschi "Max" e "Sha Na Ra" (mentre Anna Mitchell Hedges aveva rifiutato di portare il suo), ma il British Museum, in applicazione della propria norma di non fornire valutazioni su oggetti provenienti da collezioni private, non ha espresso alcun giudizio su di essi.

In passato, intorno al teschio inglese si erano catalizzati racconti folcloristici quanto infondati, che suggerivano che il teschio si muovesse all'interno della teca. Anche il fatto che il teschio fosse stato rimosso dall'esposizione aperta al pubblico è una leggenda urbana: il teschio è oggi esposto all'interno della prima sala dell'ala sinistra, sul lato sinistro della parete dove si apre la porta d'ingresso.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


In particolare, per l'esemplare esaminato si è riusciti a risalire ad una probabile origine tedesca della lavorazione, mentre la roccia cristallina è di origine brasiliana. Ricerche documentarie negli scritti relativi alle collezioni del museo, hanno portato a identificare nel collezionista francese Eugene Boban l'organizzatore di questo traffico di falsi. Altri teschi furono analizzati insieme a quello del British, tra cui quelli di Nocerino e quelli americani. Nessuno di questi teschi aveva evidenze che potessero supportare una presunta antichità, mentre anzi le probabilità spingevano a pensare ad un'origine molto più moderna.

************

-FILMOGRAFIA-

Alla storia dei teschi è ispirato il film "Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo". Anche la seconda serie di "American Dragon" è ispirata ai teschi.

************

-CURIOSITA'-

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


-300 anni-

Un altro mistero legato al "teschio del destino" è quello della sua "fattibilità". Gli studiosi che lo hanno analizzato, una volta appurato che si tratta di un blocco unico di cristallo, sono arrivati a stabilire che, comunque esso sia stato scolpito, per portarlo a termine non ci sarebbero voluti meno di 300 - 350 anni. Come sarebbe possibile riuscire a finirlo con una perizia tale da sembrare che sia stata sempre la stessa mano a lavorarlo? Oltretutto il manufatto, a differenza di altri teschi che sono stati rinvenuti, ha la mandibola articolata. Un particolare che ne ha sicuramente reso ancor più difficile la realizzazione. Inutile dire che qualcuno ha già parlato di ufo per spiegarne l'origine...

-Morte maya-

I Maya avevano un indubbio culto per l'oltretomba che andava però al di là della superstizione o del compiacimento macabro. Simbolo del mondo ultraterreno era per loro il giaguaro, animale sacro e veneratissimo. Le famose piramidi che sorgono nello Yucatan erano esse stesse degli enormi e solenni altari sui quali si celebravano sacrifici umani e riti ultramondani. E il famoso gioco della pelota, praticato dai Maya e le cui regole sono ancora in parte oscure, si concludeva in modo macabro: il capitano di una delle due squadre (non si sa se il vincitore o il vinto) veniva sacrificato agli dei tramite decapitazione. Curiosamente però, nei diversi siti archeologici sono state trovate pochissime tombe.

Articoli correlati dalla rete:

-Mistero Per saperne di più
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


-Crystal skull society Un sodalizio per chi ama i teschi
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


************

-BIBLIOGRAFIA-

-Chris Morton e Ceri Louise Thomas, Il mistero dei teschi di cristallo, Milano : Sonzogno, 1999; Milano : Rizzoli, 2008.
-Giacomo Scarpelli, Il cranio di cristallo, Torino : Bollati Boringhieri, 1993. ISBN 8833907384
-Sebastiano Fusco, Il mistero dei teschi di cristallo. Edizioni Mediterranee, 2008. ISBN 8827219836

********************

FONTE: (Internet e da Wikipedia, l'enciclopedia libera.)

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ultima modifica di Monia Di Biagio il Gio Nov 26, 2009 12:02 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Sab Mag 21, 2005 12:35 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Grandi Misteri Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008