Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

L'editoria in Italia
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vademecum dell' Esordiente
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Dom Gen 15, 2006 9:41 pm    Oggetto:  L'editoria in Italia
Descrizione:
Rispondi citando

L'editoria in Italia di Anna Fioravanti

Citazione:
di Anna Fioravanti

Vi siete mai chiesti, prima di entrare in libreria, che libri troverete, quali autori vendano di più, a quali autori dovreste assomigliare per trasformarvi da scrittori (amatoriali) ad autori di best-seller?

La prima cosa da fare per saperlo è dare un’occhiata alle classifiche dei libri più venduti in Italia.

Per farlo, potreste per esempio acquistare Il Corriere della Sera o La Repubblica nelle edizioni del fine settimana.

Oppure, potreste controllare quali siano stati i dieci titoli più venduti in Italia l’anno precedente.

Prendiamo quindi in esame proprio questi, i libri più venduti nel 2004, secondo la statistica stilata da Demoskopea:

-Dan Brown, Il Codice Davinci, Mondadori, Euro 18.60
-Oriana Fallaci, La forza della Ragione, Rizzoli, Euro 15
-Dan Brown, Angeli e Demoni, Mondadori, Euro 18.60
-Giorgio Faletti, Niente di vero tranne gli occhi, Baldini Castaldi Dalai Editore, Euro 18.60
-Andrea Camilleri, La Pazienza del Ragno, Sellerio, Euro 10.00
-Federico Moccia, Tre metri sopra il cielo, Feltrinelli, Euro 10.00
-Tiziano Terzani, Un altro giro di giostra, longanesi, Euro 18.50
-Andrea Camilleri, La prima indagine di Montalbano, Mondadori, Euro 16.50
-Margaret Mazzantini, Non ti muovere, Mondadori, Euro 18.00
-Ralf Safon, L’ombra del vento, Mondadori, Euro 18.00

Che informazioni vi offre questa lista di nomi e titoli, oltre a quelle, ovvie, che avete davanti agli occhi?

Facciamo alcuni esempi:

Autori
Quali vendono?
Italiani o stranieri?
Uomini o donne?
Scrittori o ‘fatti tali’?

Case Editrici
Quali?
Grandi o piccole?
Del Nord o del Sud?

Libri
Che genere?
Quali conseguenze editoriali e non? (eg resa televisiva, popolarità dell’autore etc)
Quante settimane in classifica?
Che posizione?
Edizione rigida o ‘economica’?

Proviamo ad analizzare uno dei dieci titoli: Andrea Camilleri, La prima indagine di Montalbano, Mondadori, Euro 16.50

Andrea Camilleri è un grande scrittore italiano, contemporaneo, che ha appena festeggiato gli ottant’anni di vita. La sua carriera inizia quando alcune delle sue poesie vengono pubblicate in un’antologia curata da Ungaretti. Camilleri ha circa vent’anni. Da quel momento in poi, la sua scrittura e le sue storie incantano lettori di ogni età e regione. Camilleri non ha certo bisogno di grandi parole introduttive ma bisogna ammettere che negli ultimi anni la sua popolarità è aumentata grazie al successo dei film per la TV tratti dai suoi libri incentrati sulla figura del Commissario Salvo Montalbano ed annunciati da continui spot pubblicitari.

La prima indagine di Montalbano è quindi un libro che ci aiuta a capire facilmente un elemento di particolare importanza nell’universo editoriale moderno: il libro è uno dei tanti oggetti in commercio, un prodotto. In altre parole, ha l’obiettivo di generare un guadagno.

‘Come,’ ribatterà qualcuno dei miei lettori, ‘il libro un prodotto? Ma lo sai quanto ci ho messo a scriverlo? E quanti soldi ci ho speso per farlo correggere? Hai una vaga idea di quante lettere ed emails ho spedito per trovare un editore? E le notti insonni? E le ore tolte ai miei bambini? E le liti con mia moglie che avrebbe preferito sposare un uomo con l’hobby del giardinaggio?’

Affermare che il libro, ogni libro, sia un prodotto non vuole essere un modo cinico e distaccato di distruggere il sogno di una vita di chiunque tra noi ami scrivere. Vuole, piuttosto, aprire gli occhi di quanti credono e si illudono che il lavoro dell’editore sia, per il 90%, trovare qualcuno che abbia scritto un libro pubblicabile. Gli autori, infatti, hanno la tendenza ad idealizzare il loro lavoro a tal punto che dimenticano tutto quello che ne influenza le vendite ed il successo: la bravura – concreta o presunta – dell’autore incontra -e si scontra- con un alto numero di fattori esterni, tra i quali la presenza –o assenza- del codice ISBN, ossia quella serie di numeri che identificano il libro e la casa editrice, i romanzi dello stesso genere e la loro presenza nel mercato, il numero dei romanzi precedentemente pubblicati dallo stesso autore.

Torniamo alla classifica di riferimento in questo articolo che fa parte del report 2005 pubblicato dall’AIE, Associazione Italiana Editori, e che è stata presentata, come ogni anno, alla Fiera del Libro di Londra.

In questa sede, ci limiteremo a descrivere ed evidenziare alcuni elementi di particolare interesse per chi scrive – e per chi legge, se è vero, come sostengono molti, che lo scrittore è, prima di tutto, un lettore.

I lettori, appunto.

Secondo le statistiche, il Nord Italia legge più del Sud. Infatti, a leggere libri sono: il 45% della popolazione del Nord (erano 35% nel 2003); il 37% nel Centro (erano 25% nel 2003) e solo il 22% (erano 19%) nel Sud.

C’è da notare che se questa differenza di circa il 20% tra Nord e Sud non fosse abbastanza, si può anche aggiungere che:

le donne leggono più degli uomini (47% contro 35.2%)
nel 2003, il 48.9% dei lettori leggeva un massimo di tre libri all’anno, il 41.4 si limitava ad 1 e solo il 12.3% arrivava a 12;
la fascia di età compresa tra 5 e 13 anni che legge più di 3 libri all’anno è del 42.2% (2004), forse anche grazie ad Harry Potter

Il Mercato Editoriale

È chiaro che il numero dei lettori (e dei libri letti) influenzi le scelte editoriali degli addetti ai lavori. In base ad una ricerca pubblicata dall’Istat in Ottobre (2005), nel 2004 c’è stato un calo del 2,3% nel numero delle case editrici presenti sul territorio nazionale, nonostante il fatto che quelle ancora attive abbiano pubblicato il 9,5% di titoli in più rispetto all’anno precedente e che il costo medio di ogni volume sia quasi duplicato: si è passati da 15,51 Euro a 25,80 Euro.

Si deve però tenere a mente che la produzione editoriale si basa soprattutto su pubblicazioni di tipo scolastico, ossia ‘necessarie’ che hanno da sempre costi più elevati rispetto agli altri, incluse anch’esse nelle statistiche riguardanti il numero di libri letti da ogni individuo in un anno includono.

Il costo dei libri ‘non necessari’ è forse il motivo per il quale si è velocemente sviluppata in Italia, più che in altri paesi europei, una sorta di editoria alternativa, ossia libri che vengono prodotti e venduti insieme a riviste e quotidiani. Il costo di questi libri (+giornali) è spesso inferiore alla somma che pagheremmo in libreria. C’è da notare che i libri in questione sono spesso ‘classici’ (l’editore quindi non ha costi di copyright) e la carta utilizzata è di qualità inferiore.

Se è vero che molte famiglie scelgono di non acquistare libri a causa dei prezzi che andrebbero ad incidere negativamente sul ristretto budget familiare, è anche vero che l’Italia è, più di altri, un paese nel quale il mezzo televisivo ha un ruolo di primaria importanza nella vita di ognuno. Come si puó immaginare, questo va a scapito del livello di alfabetizzazione tanto che la percentuale di analfabeti, intesi come persone senza titoli di studio o con la sola licenza elementare, è, secondo l’Istat, del 39,2%, ossia un terzo della popolazione. Ancora una volta, sono presenti differenze, seppur minime, tra Nord e Sud:

-Nord Est (39,0%)
-Nord Ovest (36,9%)
-Centro (37,6%)
-Sud (41,8%)

Il Contesto

Come precedentemente affermato, in Italia c’è un alto numero di analfabeti; le persone che leggono lo fanno soprattutto per dovere e, di conseguenza, le case editrici, soprattutto di piccola e media grandezza, hanno grosse difficoltà a far quadrare i bilanci. Questi fattori strettamente legati all’editoria devono inoltre essere visti nel contesto al quale appartengono. In particolare, l’arrivo dell’euro ha rappresentato una drastica riduzione della qualità della vita di molti italiani che hanno visto aumentare, spesso duplicare, il prezzo di beni di consumo e non in brevissimo tempo.

Facciamo un confronto di prezzi in alcune capitali europee:

Cereali*:

-Roma – 2.49 Euro
-Londra – 1.82 Euro
-Madrid – 2.23 Euro

Vino*:

-Roma - 7.38 Euro
-Londra - 6.41 Euro
-Madrid – 6.89 Euro

Pizza*:

-Roma – 7.50 Euro
-Londra – 7.39 Euro
-Madrid – 3 Euro (questo è forse il dato più sconvolgente per noi italiani).

(*questi sono dati pubblicati dall’Istat)

Torniamo poi al settore editoriale*:

-Spesa x libri
-Internet x 1000 persone
-Laurea

Giappone
10 unità
8.45
5.91

Italia
3
5.47
1.36

Norvegia
9.27
9.65
9.35

(*Fonte: report AIE 2005)

Questi dati mostrano come, rispetto ad altri Stati, in Italia ci sia un basso numero di laureati, nonostante il prestigio e l’importanza storica di molte delle nostre università, ed un altrettanto basso numero di libri letti all’anno.

Inoltre, nel nostro paese, il numero delle ristampe supera di molto quello dei nuovi titoli, scelta probabilmente dovuta alla necessità delle case editrici di non correre troppi rischi: ristampare un libro del quale si hanno già dati di vendita vuol dire avere garanzie.

Mondadori, per esempio, ha pubblicato:

nel 2002 5,560 Titoli
nel 2004 6,041 Titoli

di cui:

Nuovi
1,981 (35,6%)
2,022 (33,5%)

Ristampe
3,579 (64,4%)
3,792 (66,1%)

Futuro?

L’analisi di questi dati spesso poco positivi potrebbe spingerci a domandarci se ci siano davvero speranze per chi abbia voglia di scrivere e sogni di poterlo fare a tempo pieno. Fortunatamente, la risposta è ‘Si, ce ne sono!’ Infatti, si sta facendo strada tra gli editori italiani l’idea che sia importante dare spazio e voce a nuovi talenti: nonostante i libri in traduzione rappresentassero, nel 2003, quasi il 70% dei titoli pubblicati, c’è stato, dal 2000 al 2003, un aumento dell’8.4% di opere di autori italiani (76.8% contro 74.8%) e si presume che tale percentuale continuerà ad aumentare sempre più.

Ed allora…Buona Scrittura a Tutti!!!

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Dom Gen 15, 2006 9:41 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Vademecum dell' Esordiente Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008