Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il Globenglish (Articolo di Roberto Vacca)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Guida Poetica-Letteraria.
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Ven Giu 08, 2007 5:44 pm    Oggetto:  Il Globenglish (Articolo di Roberto Vacca)
Descrizione:
Rispondi citando

-Il Globenglish-

(Articolo proposto per Scritturalia, dal Prof. Roberto Vacca)

Citazione:
Roberto Vacca scrive:

"Allego mio articolo su "L' itangliano". Se ne discute chiamandolo anche "Globenglish" (ci fece anche un pezzo Scalfari -mi pare- sull'Espresso)"

Best, Roberto.


************

Globish o itang’liano? – di Roberto Vacca – Nòva Il Sole 24 Ore, 19 Aprile 2007.

“Non procedo all’ implementèscion, se non ho i rodèita processati. Sono abbastanza autspochen? E con chi intrude nel mio beiliuìc, avrò uno sciodàun.”

La frase contiene una parola inglese su 4. Non è una frase italiana, ma “itanghliana”. Chi conosce il significato di: implementation, rawdata, outspoken, intrude, bailiwick, showdown, capisce che vuol dire:

“Non passo alla fase operativa, se non sono stati elaborati i dati di base. E’ chiaro? E chi vuole esautorarmi, metta le carte in tavola.”

Invece la frase non ha senso per chi non parla inglese.

Da molti decenni parecchi manager europei usano questo linguaggio bastardo intersperso di termini anglosassoni – talora scelti male.

I francesi pronunciano le parole inglesi in modo obbrobrioso, ma hanno creato la parola franglais (“franglese”) – che è entrata nell’uso.

I businessmen italiani, in genere, pronunciano meglio (tranne quelli che dicono “manàggement”) e anche loro usano spesso parole inglesi.

Trent’anni fa, dopo averne incontrati tanti, con lo pseudonimo di Giacomo Elliot, scrissi un manualetto di management, "Parliamo Itanghliano", ma il termine non entrò nell’uso. Nel 1999 lo completai: “Le 600 parole inglesi usate nel management in Italia” (Consigli a un giovane manager, Einaudi).

Oggi si discute ovunque se davvero l’inglese sia diventato lingua universale. In forme degradate lo era già da secoli nella struttura mista del Pidgin English, formatosi in Africa, Oceania, Hawaii Hong Kong.

Esempio: “calvo” si diceva “man he no belong head grass” (uomo lui non ha erba-testa).

Sono insensati i lamenti di chi invoca la purezza delle lingue antiche da non adulterare con l’inglese. Augusto imperatore parlava greco. Domina sempre la lingua di quelli che sono numerosi, pensano e fanno cose importanti e interessanti.

Malgrado l’ortografia complicata e assurda, l’inglese domina nella produzione letteraria, militare, giuridica, tecnica e scientifica con i numeri di inglesi, americani, asiatici. I successi commerciali e tecnologici sono irresistibili, anche se mancano quelli militari.

È inevitabile che le lingue miste si diffondano. L’itanghliano è robusto perché certe parole inglesi non esistono in italiano.

Esempio: “briefing”: è il colloquio in cui il capo spiega ai prescelti, prima di una missione militare (o aziendale), dove andare e quando, quali sono gli obiettivi, che cosa fare, quali risultati sono attesi e fornisce ogni dato o notizia rilevante. La parola in italiano non c’è perché troppo spesso il briefing non si fa. Deriva dal latino "brevis" - breve messaggio di istruzioni. In italiano è rimasta solo la locuzione "breve papale".

Altre parole senza equivalente, sono: “debriefing”, “failsafe”, “failsoft”, “deliverable” e parecchie altre.

Vanno evitate, invece, le parole che hanno equivalenti ovvi. Esempi: “mission”, “target”, “board”, “ceiling”, “slowdown” e altre.

Mai usare acronimi di locuzioni inglesi. Esempi: CEO (Chief Executive Officer – il capo in testa in genere amministratore delegato e (in USA) presidente); GDP (Gross Domestic Product) invece di PIL. Mai scrivere 16,7 e pronunciarlo “sedici-punto-sette”.

Evitare come la peste (in America si chiamano “nonos”):

• superlativi con “very” seguito da aggettivo italiano. Esempio “very in gamba”.

• modi di dire usuali in paesi anglosassoni, come “cash&carry”, che diretti a un vasto pubblico possono solo causare confusione.

• parole del tutto normali che esprimono concetti semplici, dette in inglese per vezzo – neanche per sfoggio (non c’è niente da sfoggiare).

Esempio “deve essere stata colpa dei lazy boys”.

È scusato se usa qualche termine inglese (anche superfluo) chi sa l’inglese tanto bene da pensare normalmente in quella lingua, specialmente se è appena tornato da un lungo soggiorno all’estero.

Però conviene sapere l’inglese perfettamente (magari parlando e scrivendo diversamente e correttamente in britannico e in americano), ma fare anche lo sforzo di parlare correttamente la propria lingua – almeno finchè non si debbano usare parole che essa non include.

Ing. Roberto Vacca.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Ven Giu 08, 2007 5:44 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Guida Poetica-Letteraria. Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008