Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Baudolino (romanzo storico)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati!
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Gio Lug 19, 2007 1:04 pm    Oggetto:  Baudolino (romanzo storico)
Descrizione:
Rispondi citando

Baudolino

Titolo originale Baudolino

-Autore: Umberto Eco
-Anno (1a pubblicazione): 2000
-Genere: Narrativa italiana
-Sottogenere: Picaresco, Giallo, Saggio storico

EDIZIONE RECENSITA

-Anno: 2000
-Editore: Bompiani
-Pagine: 526
-ISBN: 8845247368

-Progetto Letteratura-

Baudolino è il quarto romanzo di Umberto Eco, scritto nel 2000 dopo L'isola del giorno prima (1994), Il pendolo di Foucault (1988) e Il nome della rosa (1981).

-Trama-

Attenzione: di seguito viene rivelata, del tutto o in parte, la trama dell'opera.

Di ambientazione medioevale, a cavallo tra il XII e il XIII sec. il libro narra, attraverso le parole del protagonista Baudolino, con un complesso susseguirsi di flash-back, scenari fantastici e personaggi ora storici ora immaginari, una successione lunghissima di episodi storici e leggende, dalla fondazione di Alessandria (Piemonte) all'Italia dei comuni e del Barbarossa; dalla nascita delle università al fantasioso viaggio alla ricerca del mitico Prete Giovanni e del Graal, fino all'assedio di Costantinopoli da parte dei crociati nell'anno 1204. Il romanzo si può considerare un misto di generi, tra il picaresco, il giallo, e il saggio storico.

-Le fonti storiche-

Le fonti storiche a cui ha attinto Umberto Eco nel romanzo Baudolino, nello spiegarci il Medioevo per la seconda volta dopo il fortunato Il nome della rosa, sono abbastanza riconoscibili.

Nel tentativo del protagonista di scrivere la sua storia in lingua parlata e non in latino, e nel successivo suo arenarsi di fronte all'impossibilità di tradurre in fonemi la lingua da lui parlata, è evidente debito verso le prime prove di scrittura volgare, come la Carta di Capua oppure il più moderno San Francesco d'Assisi del Cantico delle creature.

Il romanzo continua ispirandosi probabilmente alle Gesta Federici I imperatoris, almeno nella parte in cui il protagonista diventa incredibilmente figlioccio di una delle persone più potenti del suo tempo, l'imperatore Federico I detto il Barbarossa, rimandando alle avventure del Simplicius di Hans Grimmelshausen.

La seconda parte del libro inizia con la lunga e avventurosa ricerca del regno del mitico Prete Gianni (o prete Giovanni come si preferisce nel romanzo) da parte di Baudolino e i suoi compagni, alcuni suoi amici dai tempi dei comuni studi all'università della Sorbona a Parigi, altri concittadini della neonata Alessandria (non a caso città natale dell'autore).

L'avventura attraverso regni del misterioso oriente è raccontata in maniera disincantata, non più da Mille e una notte o Bestiario medievale, gli stessi miti poi trattati anche dal "libro delle meraviglie", il Milione di Marco Polo, ma piuttosto come una lunga narrazione degli artifici con i quali i potenti si garantivano la benedizione divina, come il ritrovamento, nella cripta di una chiesa italiana, di tre antichi scheletri, fatti passare poi per i resti dei Re Magi e trionfalmente sepolti nella cattedrale di Colonia in Germania.

In Baudolino i Templari sono una sorta di truffatori, la Quarta Crociata una scusa per saccheggiare i tesori di Costantinopoli, il commercio sacrilego delle false reliquie, dal Graal alla Sacra Sindone, dai corpi degli Apostoli ai souvenir della vita di Cristo che hanno riempito le chiese dell'occidente cristiano, è una pratica diffusa.

In effetti, la storia mette in relazione proprio con il personaggio di Baudolino la nascita di molte tradizioni e leggende medievali, in un complesso gioco di riferimenti culturali. Per esempio, è opera di Baudolino (nella finzione di Eco) l'idea di identificare il Graal (il "Gradale") con il calice di Cristo, e di spacciare per tale una vecchia coppa di suo padre. Quando il falso Gradale va perso, uno dei compagni di Baudolino afferma di avere intenzione di scrivere la storia del Gradale come "avrebbe dovuto essere", con protagonisti "cavalieri ben più nobili di noi". Costui si chiama Borone, e corrisponde quindi a quel Robert de Boron che, storicamente, introdusse il tema del Graal nel ciclo bretone. Nell'opera ci sono molti altri spunti dello stesso genere: è di Baudolino, per esempio, l'idea di far santificare Carlo Magno (cosa effettivamente avvenuta nel 1165, per opera dell'antipapa Pasquale III); ma addirittura, è Baudolino che "crea" la Sacra Sindone.

Quando Baudolino e i suoi compagni giungono alla città di Pndapetzim (ultima tappa prima del regno del Prete Gianni, nel quale però essi non giungeranno mai) si trovano di fronte al meraviglioso mondo degli sciapodi con una sola gamba, dei panozi con le orecchie lunghissime, tanto da riuscire a volare se opportunamente addestrati, dei blemmi con la bocca sulla pancia e ad altre mostruosità.

Tutte queste creature fantastiche non vedono nessuna differenza fisica tra di loro, ma sottilizzano sul loro diverso credo religioso, dicendo sempre del prossimo che "pensa male": una metafora delle divisioni teologiche del cristianesimo orientale con i monofisiti, ariani o manichei che siano, e le loro lotte sul sesso degli angeli.

Il finale vede la resa dei conti: il cattivo viene apparentemente smascherato, ma Baudolino rimane talmente disgustato dal declino del suo mondo che, dopo una breve parentesi su una colonna dove per qualche mese fa il filosofo stilita dispensando oracoli e false profezie, decide di tornare a rifugiarsi in quel mondo immaginario che conosce solo lui.

Ma Baudolino dichiara fin dall'inizio del libro di essere «un gran bugiardo» e che «solo un altro bugiardo come lui avrebbe potuto raccontare la sua storia».

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Gio Lug 19, 2007 1:04 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati! Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008