Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Racconto: "KiKa"
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> I Miei Racconti
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Mar Gen 03, 2006 9:50 pm    Oggetto:  Racconto: "KiKa"
Descrizione:
Rispondi citando

Questo racconto è tratto da “Destini”: Racconti di Vita, di Sogni, d’Amore e di Fantasia. Copyright © 2009 [Monia Di Biagio]. ® Tutti i diritti riservati.

“KiKa”

Sinossi

Una morte terribile, repentina ed inaspettata. Voci tremende circolanti sulla fine di un piccolo ed amato angelo caduto forse per sbaglio sulla terra. Un sogno bellissimo giungerà a svelare l’incredibile verità!


**************

Breve Premessa al racconto: “Aldilà”.

Dove andrà a finire la nostra Anima dopo che siamo morti? La Fede ci suggerisce un luogo di Pace Eterna e io fermamente ci credo! Ma Aldilà e Aldiquà possono a volte incredibilmente congiungersi? La mia personale fede mi suggerisce che questo sempre può accadere basta essere pronti, a non farsi prendere dal panico e pensare che il tutto sia naturalissimo e miracoloso al tempo stesso!

Breve premessa al racconto che seguirà, racconto che in molti additeranno come incredibile, anche se io fin da ora vi suggerisco un altro aggettivo, ovvero: naturale, non tanto per esporre o condividere con voi le mie idee in proposito, ma per raccontarvi in maniera serissima quello che raramente mi accade, e del quale io non ho paura, quando cioè i cari defunti vengono a farmi visita, ma esclusivamente nella dimensione onirica. Tra me e loro, difatti, c’è un ferreo patto: mai visioni nella realtà quotidiana! Non potrei accettarle, non riuscirei a capirle e a spiegarmele, potrebbero così altamente scioccarmi. Ma solo quando l’Anima è libera da vincoli morali, sociali, razionali, Essi possono venire a me e sono i benvenuti sempre, o quasi…. Ma questo può accadere, per me, naturalmente solo in sogno, quando cioè rapita da Morfeo riesco ad accettare e a incontrarmi con certe eteree visioni, perché non sono io che personalmente incontro loro, ma è la mia Anima che incontra, finalmente libera dal fardello corporeo, la loro Anima trapassata in altro, forse “migliore”, luogo, del quale io non so nulla, non voglio sapere nulla, mai domando nulla, perché per crederci non c’è bisogno di sapere, di vedere: per essere certi che ci sia. C’è e basta! E questi incontri notturni, oltre la Fede certamente, ne sono per me la più vera, grande e bella testimonianza. Molti troverebbero questa mia capacità sensoriale un vero impaccio per la vita “concreta” di tutti i giorni, e per me lo è veramente; altri al contrario lo definirebbero un dono, ma per me che non l’ho voluto, né tanto meno cercato è solo una cosa normalissima, che potrebbe accadere a chiunque basta essere “aperti mentalmente” e non costretti dalla vergogna che ci cinge la mente, quando, come molti amano premettere prima di raccontare le loro esperienze, gli accade qualcosa di “strano”. Lo strano per me è “non” provare tutto questo, perché non riuscire a provarlo significa aver imprigionato la nostra grande Anima in una prigione fatta di carne e pregiudizio e “nutrirla a pane ed acqua”, invece di alimentarla con la fede e credere che tutto ciò è possibile, quanto è vero che noi siamo “Corpo e Spirito”, quanto è vero che la nostra Anima può librarsi quando vuole, se solo noi glielo permettessimo ed un giorno definitivamente lo farà, con o senza il nostro consenso! Solo allora forse ci renderemo conto di quanto abbiamo sbagliato a non vivere l’aldiquà: Anima e corpo, ma solo corpo; di quanto errato sia non vivere la vita in maniera del tutto semplice e spirituale. Io ci credo fermamente, ogni giorno cerco di far congiungere la mia Anima al tutto, riflettendo sul fatto di quanto sarebbe triste che Ella possa congiungersi solo a me, solo a me che sono un granello nell’immensità dell’universo, eppure così completa perché Lei è in me e con me, sempre.

Ed ecco il racconto che dopo tale premessa molti di voi continueranno ad additare come strano ed incredibile!

*******************

Dedica dell’Autrice

A Kika
(dedicata ad un Angelo)

Kika,
solo un nome.
Un nome tatuato
sul braccio.

Kika, non c’è più.

Kika ora è quello,
che era anche in questa vita:
un Angelo dolcissimo.

Kika provava vero e sincero Amore.
Lei viveva pienamente
questa parola,
come ogni giorno
viveva, la sua stessa vita.

Kika era la gioia.
Lei amava,
lei sentiva,
lei donava senza riserva
il suo cuore,
il suo povero cuore…

…Aveva solo 16 anni
quando decise
di donare
anche la sua Anima.

Un sorriso,
non si spegne
nel buio di una notte.

La vita non si spegne con la morte.
Vivrai in noi per sempre!

In memoria

Una vita che termina,
si smorza in un sogno,
che ci mostra
ciò che eravamo.

Bocciolo di rosa

Nel “suo” giardino
c’era una rosa:
la più bella di tutte.
Non osavo coglierla,
per non spegnerne
la vivacità del colore.
Ore passate accanto a lei,
estasiata dalla sua bellezza.
Un giorno però,
voltai le spalle
mi rigirai
e non la vidi più.
Ma ne serberò
per sempre
il profumo.

A lungo,
mi sono chiesta:
<<Perché proprio la mia rosa?>>

Forse,
proprio perché era
la più bella di tutte!

Con inalterato affetto, Monia.

-KiKa-

Quella fu proprio una bella estate! Diversa dal solito, io indossavo comunque benone i miei 20 anni, ma quella stessa estate decisi di condividere la gioia, e l’energia spasmodica della gioventù, non con i soliti amici d’ombrellone, ma con alcuni cugini della mia stessa età o quasi che non potevo vedere tanto spesso, per il semplice fatto che ognuno di noi abitava in un diversa città italiana. Eravamo lì sdraiati a ridere sul bagnasciuga, mentre il sole ci scuriva la pelle e la spuma del mare ci solleticava i piedi. Quanta gioia, quanta luce, una cartolina indelebile nel mio cuore, sulla quale 4 sorrisi sono rimasti impressi e mi guardano e mi dicono “noi c’eravamo ed eravamo tanto felici”! Passarono i mesi, ma quell’incontro ci era rimasto a tutti dentro, prepotente, indelebile, bello divertente, vivo certamente da ripetere! Ancora ne parlavamo al telefono, le rare volte che riuscivamo a sentirci, solo l’idea di poterlo rifare, di ritrovarci presto, tutti insieme ci entusiasmava, dovevamo darci un nuovo appuntamento, assolutamente e subito! Presto detto, presto fatto. E allora quale miglior luogo per degli adolescenti sereni e spensierati di una discoteca e di una data fatidica: Capodanno 1995?

La musica era assordante. La pista, appiccicosa di spumante versato a terra nell’esplosione delle bottiglie stappate allo zero del conto alla rovescia, era piena di gente festante; coriandoli in ogni dove che strettamente ci legavano l’uno all’altro; balli scatenati per spezzare quelle catene di carta colorata… E la felicità di festeggiare il Capodanno, finalmente, ancora insieme! E poi ancora e ancora le nostre risa, i nostri affettuosi abbracci: stavolta non soltanto una cartolina è rimasta indelebilmente impressa nella mia mente, ma un carosello in moviola, musicale, festoso, spensierato, colorato, vivo, bello…. Praticamente indimenticabile!

Quella però, tristemente, tanto che il cuore mi si frammenta ancora e con la stessa violenza al solo rammentare: fu per noi l’ultima volta che ci vedemmo tutti e quattro insieme! Difatti, il Destino, l’infingardo destino, volle dividerci solo qualche giorno più tardi la bellissima festa danzante….
Cattivo ed astuto quello stesso Destino, aveva organizzato bene la cosa: per farci ancor più soffrire al distacco definitivo, prima ci aveva dato la possibilità di stare “stranamente”, per i rari e sporadici incontri degli anni precedenti, felicemente ed appassionatamente tutti insieme, e a distanza di così poco tempo: tanto è vero che nel giro di pochi mesi ci aveva fatto incontrare per ben 2 volte di seguito, per di più ci aveva fatto sognare ed anelare il terzo incontro di una agognata lunga serie e se possibile ci aveva fatto volere più bene di quanto ce ne volevamo già, per poi dividerci…. Beffardo Destino, atroce epilogo: la più piccola di noi, Kika, il giorno dell’Epifania ci lasciò per sempre!

Ricevere la straziante notizia fu per me, ma suppongo non di meno per ognuno di noi, la morte stessa, quella che poche ore prima aveva colto improvvisamente la nostra amata cuginetta…. 16 anni e il tempo terreno, per lei si era drasticamente fermato. Scompiglio totale in me: rifiuto spirituale di quello stesso Padre che ti da la vita, poi così troppo presto e repentinamente te la toglie, dolore estremo, depressione fisica e mentale, considerando che ogni gioia ed ogni dolore a quell’età li si vive amplificati, raddoppiati.

Arrivò il triste giorno, dovevo essere lì ma avrei voluto essere in qualsiasi altro luogo anche il più brutto del mondo, ma proprio quello era in quel momento il luogo peggiore dove potessi essere e dove non avrei mai voluto essere se non dopo un’intera esistenza e magari una scambievole vecchiaia vissuta insieme. Ricordo fosse una giornata freddissima, grigia, da dimenticare, col pensiero che dice al cuore: “magari si potesse dimenticare!” e quello stesso freddo oggi mi fa rabbrividire. Il gelo, che ci asserragliava fuori e che portavamo dentro ci faceva muovere in quegli abiti scuri, come degli automi sul sagrato della chiesa, eravamo tutti lì: i parenti, una miriade di amici del liceo, professori, tutto il piccolo paese che aveva dato i natali a quell’adorabile bimba dai capelli d’un rosso struggente…. E noi, i tre rimasti, tutti insieme per l’amara, tiranna occasione, eppure così distanti ormai l’uno dall’altro, non osavamo neanche avvicinarci, perché non avremmo potuto darci forza a vicenda per superare quel momento, ma solo dolore, ancora più dolore, ed allora ognuno di noi decise di viverlo alla sua personale maniera, anche se i nostri volti erano all’unisono tutti segnati dal medesimo pianto, i nostri cuori sanguinavano ed i nostri sguardi si incontravano per pochi sfuggenti attimi, per poi nuovamente abbassarsi verso terra e bagnarla, provare a bagnarla ancora, quasi come se volessimo riveder fiorire il nostro bel fiore spezzato su quel triste selciato. La bara ci raggiunse, eravamo di nuovo in quattro ora, ma una di noi era ormai chiusa in quella scatola bianca che custodisce i nostri corpi mortali, per l’eternità.

Questo fu l’atroce epilogo di tanta gioia trascorsa insieme, la fulva chioma che incorniciava quel caloroso sguardo sorridente, di una tenera sedicenne, ora era impressa su d’una gelida lapide marmorea che imprigionava ed immobilizzava la sua gioia la sua voglia di vivere per sempre! E quanto incolmabile vuoto! Solo un pensiero ancora, vivido nella mente martoriata dall’infausto Destino, che ci aveva ingannato, l’unico rimasto: “Ci rivedremo. Ciao. Sarai sempre con noi.” Poi il nulla.

Prima del Funerale però, qualcosa di straordinario per me accadde: io potei vederla ancora viva e vegeta, ma lei già non c’era più, eppure era così vera…. Ringrazio ancora Dio di avermi dato quella ultima ultraterrena possibilità!

Il tutto, straordinario ed avvincente, andò così: la sera della Befana a mezzanotte circa, Kika, ci lasciò, “per sempre!” Fu proprio allora che imparai il profondo significato di queste due ultime parole, quando finalmente capii, forse per farmi forza, forse per convinzione presa, forse perché è proprio cosi che nessuno MAI ci lascia “per sempre”, e tra un po’ spiegherò perché. Ora l’unica sensazione che riusciva a darmi un po’ di sollievo era che Kika in quello straordinario, quanto triste per noi, viaggio non fosse sola, ma di nuovo tra le braccia della sua mamma dipartita anni prima, giovanissima, e caso o Destino volle anche per lei, poco dopo aver trascorso un sensazionale Capodanno con i cugini e zii più cari!

Al mattino i Carabinieri invasero la sua casa, portarono via le sue cose, qualcuno doveva dare una spiegazione precisa alla morte improvvisa di una sedicenne. Si decise per l’autopsia. La verità.
Ma quale verità? Quella che l’aveva vista drogata, ubriaca, quella che parlava di suicidio con i medicinali, che pure tutti furono sequestrati…. E la memoria? La dolce memoria di una giovane, semplice, pulita, atletica, buona, dove la mettete? Non può essere e l’autopsia ve lo dimostrerà, queste sporche fandonie andate a raccontarle a qualcun altro non a noi che la conoscevamo bene, che infinitamente l’amavamo, e che più di prima ancora l’amiamo, segnati per sempre dal suo atroce destino! Quell’autopsia fissata per le nove di domani non ci dirà nulla, non ci dirà chi era Kika e perché la morte l’ha voluta con sé, perché noi sappiamo chi era, noi lo sappiamo, voi no!

La sera prima dell’autopsia, mentre io profondamente dormivo, una bimba rubiconda e dalla morbida e purpurea chioma, smosse leggermente le tende della mia finestra della mia cameretta, quasi come un sottile soffio di vento le scostò e si sedette a terra, con le gambine incrociate, accanto al mio letto mi prese la mano e la carezzò, ma non mi svegliò. Io continuavo a sognare ma le parlavo, lei canticchiando e sorridendo mi parlava. Ed io in sogno le rivolsi parola: <<Chi sei? Kika? Si, sei tu, ma tu sei morta…. E adesso, come sei piccola….>> delicata come un petalo di rosa mi giunse al cuore la sua voce: <<Si, hai ragione, sono morta perché sono piccola…. Vedi ho solo 5 anni….>> E poi sparì, salutandomi con la manina al vento, oltrepassando quella stessa finestra, dalla quale l’avevo vista arrivare sino a giungere ai piedi del mio letto, e lì accanto a me accovacciarsi. Ma io non volevo lasciarla andare così e subito la scongiurai: << Ti prego, aspetta non te ne andare, non di nuovo, non di nuovo, resta qui!>> ma lei sorridendomi, tra le tende svolazzanti e illuminate da una soffusa luce che non ha eguali, mi disse: << Sccc…. Dormi. Io devo andare…. Ma sto bene ora, sto con la mia mamma, ciao.>> E di nuovo, per sempre se ne andò.

Solo il mattino seguente al risveglio, subito ricordai la tenerezza infinita, che mi era venuta a trovare quella notte. Ero incredula e non riuscivo a ben comprendere quelle giocose parole di una piccola bimba divertita, e questo fino al responso dell’autopsia, che chiaramente diagnosticò che: Kika era morta perché seppur giunta all’età di 16 anni, senza alcun evidente scompenso fisico, anzi da atleta, il suo cuore era rimasto piccolo come quello di una bambina di 5 anni, e non aveva più retto alla sua indomabile ed accresciuta vivacità!

Comunque quella fu veramente l’ultima volta che la vidi.

Monia Di Biagio

___________________

NOTE ALLE POESIE: I tre componimenti di apertura racconto, riportati come amorosa dedica, sono tratti dalla Silloge di Poesie “Sentimento Nuovissimo” scritta da Monia Di Biagio, pluripremiata in diversi Concorsi Nazionali ed Internazionali, non ultimo al Premio Letterario Europeo “Victor Hugo”. Oggi, in formato elettronico, divenuta anche un E-Book e visionabile sul sito Pennepazze.net

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Mar Gen 03, 2006 9:50 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> I Miei Racconti Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008