Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

"Giardino, Cenere"
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati!
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Mer Apr 11, 2007 1:13 pm    Oggetto:  "Giardino, Cenere"
Descrizione:
Rispondi citando

"Giardino, Cenere"

di Danilo Kis-Adelphi, pp. 187

***********

L'ORARIO DEI TRENI? UN CAPOLAVORO.

L'opera narrativa di Danilo Kis, scrittore e saggista jugoslavo che attualmente vive e lavora a Parigi, è strettamente aderente alla tradizione letteraria mitteleuropea.

Kafka, Rilke, Walzer, Canetti traspaiono dalle pagine dei suoi romanzi, tra i quali "Giardino, Cenere" (Adelphi, pp. 187) è forse il più famoso.

Si tratta di un'opera prevalentemente autobiografica la cui trama non è particolarmente importante: il narratore, Andreas, ricorda i personaggi principali della sua infanzia trascorsa nella provincia jugoslava durante l'ultima guerra: una sorella inquieta, la madre comprensiva e sapiente, e, su tutti, il padre periodicamente folle, incombente ed arcano.

Il racconto delle gesta inconsulte di tale padre, che probabilmente sarebbe stato accolto da Kafka come una liberazione, è svolto con una cadenza a tratti proustiana, con un abbandono narrativo degno di Walzer ma senza la gigioneria intellettualistica propria di alcune parti dell'opera di Canetti che pur sembrano aver influenzato l'autore.

Giocatore di scacchi, trafficante, arringatore instancabile, il padre, un ex ferroviere, lavora alla stesura di un trattato dai risvolti metafisici, un improbabile "Orario delle comunicazioni tranviarie, navali, ferroviarie ed aeree", opera che dovrebbe costituire una sintesi dei suoi motivi di disappunto nei riguardi del mondo.

Sulla figura dei padre si posa la curiosa pietà del bambino Andreas, la sua assidua riserva di comprensione ed il suo inconscio desiderio di un modello di ardore.

Misterioso viandante dei boschi, dove agitando il bastone intrattiene la natura recitando i salmi, Eduard, così si chiama questo padre spinoziano ed anarchico, è sospettato dalle beghine del paese di essere una spia occidentale che s'isola per trasmettere segreti messaggi all'aviazione alleata.

Il suo vizio prevalente, lo scomparire, ad ogni autunno, senza un motivo plausibile, si rafforza col tempo. Ai suoi lascia ogni volta i soffusi aloni della sue presenza residua: colletti e polsini ingialliti dal fumo delle sigarette, redingote lise, i resti di fango delle sue passeggiate.

Solo per metà reale, per altra metà ombra e vaticinio, soggiace progressivamente al suo ruolo di vittima invasata ed egotica.

La moglie è la mite rassettatrice delle sue imprese irridenti, il luogo dove può appuntarsi il desiderio di Andreas di penetrare il segreto paterno, la memoria della dissoluzione che la sua assenza getta sulle cose.

Il bambino giocherà a lungo con lei davanti a vecchie fotografie, di nascosto alla sorella irriverente, riordinandole ogni volta dopo l'ennesima scomparsa, fino a quella definitiva.

Allora Andreas vedrà i variopinti gomitoli di lana del lavoro a maglia di sua madre rotolarle dal grembo sul pavimento e lì inseguirsi con brevi scatti felini, come animati da un'ultima volontà di stupire.

Eduard, dovunque si trovi, non potrà comunque cessare di opporsi grottescamente al senso di vanità che si sprigiona dalle cose e continuerà così a sfidare la desolazione con l'alterco, pregando con indignazione e ferocia, sterile prodigio di ribellione e di magniloquente disinganno.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Mer Apr 11, 2007 1:13 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati! Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008