Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" Ŕ la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

"Hemingway"
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati!
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


EtÓ: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

LocalitÓ: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Mer Apr 11, 2007 1:39 pm    Oggetto:  "Hemingway"
Descrizione:
Rispondi citando

"Hemingway"

di Fernanda Pivano: "Hemingway", Rusconi editore, pp. 229.

***********

L'ARTE DIFFICILE DI NON SOPRAVVIVERE

Nel corso della sua vita movimentata Ernest Hemingway subý un numero impressionante d'incidenti e si fracass˛ molte volte la testa.

Dalla bella biografia che Fernanda Pivano ha scritto su di lui veniamo a sapere tra 1'altro che 1'ultimo incidente lo ebbe quando, quasi sessantenne, tent˛ di fare un volteggio sopra uno steccato per imitare un amico.

Quella volta non si ruppe la testa, ma si luss˛ il tendine di un calcagno.

Anche da un semplice aneddoto come questo si possono intravedere la generositÓ e la tenacia che contraddistinsero la vita dello scrittore, permettendogli di cogliere e sperimentare quei momenti dell'esistenza che, sempre in bilico tra angoscia e voglia di vivere, si prestavano ad essere raccontati in una prosa secca ed essenziale.

In lui si alimentarono reciprocamente temerarietÓ e gusto per la confabulazione, la fiducia nell'amore e la rassegnazione al disamore, il desiderio degli amici e la passione della solitudine.

GiÓ da bambino si divertiva ad inventare storie esagerando e infarcendo di balle fatti che gli errano accaduti, e da vecchio continu˛ a fare in modo che potesse capitargli qualcosa che valesse la pena di essere raccontato.

Servendosi di una "lingua franca" di sua invenzione (uno strano miscuglio di parole inglesi, tedesche, spagnole, francesi e italiane), comunicava con le persone pi¨ disparate, e con quella lingua potÚ raccogliere storie che poi s'incaric˛ di completare fondendole insieme e depurandole dell'inessenziale.

Riproporre per Hemingway il dilemma della prioritÓ della vita sull'arte o dell'arte sulla vita sarebbe quindi, una volta di pi¨, un problema mal posto.

Vita e letteratura furono nel suo caso le prime e le ultime bozze della stessa opera.

Viveva nell'unico modo che potesse desiderare di ricostruire o inventare e inventava solo quanto mancava per tenere insieme ci˛ che aveva vissuto.

Raccontava innocue balle con disinvoltura e con lo stesso candore riempiva le proprie pagine di errori di ortografia, anche volontari, sostenendo che tanto si poteva pagare qualcuno per correggerli.

S'irritava ogniqualvolta venivano intaccati i presupposti etici od estetici del suo personaggio e a volte lo faceva con un puntiglio capriccioso e crudele. In un'occasione ne fece le spese la stessa Pivano, che per altro fu sempre considerata da lui un'amica sincera e leale, oltre che una fidata traduttrice dei suoi libri.

L'autrice racconta che aveva usato, parlando di lui in una conferenza, la parola "metafisica", e che per questo Hemingway le rivers˛ addosso per molto tempo "il suo risentimento con sarcasmi di ogni genere".

Se sapeva giocare con le sue manie, non sapeva per˛ giocare con i suoi principi o le sue debolezze, che spesso si spalleggiavano a vicenda.

Era di norma leale e generoso, ma fu anche irriconoscente verso persone cui doveva molto (come ad esempio Sherwood Anderson) provandone poi rimorso per tutta la vita.

Narrando insieme alla vita di Herningway la storia della loro amicizia, seguendo liberamente le associazioni dei suoi ricordi la Pivano Ŕ a volte maliziosa e a volte indulgente.

Il suo affetto e la sua stima per lo scrittore paiono avvolgere e saturare il fascino che lascia intravedere di aver subito.

In molti punti racconta come dal vivo, a volte evade dalla vicenda con digressioni psicologiche sottili e caute, altre volte incalza con i fatti come se fosse lei stessa coinvolta o divertita dalla loro rocambolesca successione.

Dal suo modo di raccontare traspare qualcosa dello stile conciso e pervasivo di Heminway, ma questo viene come affrettato, quasi per una sorta di rispetto o di pudore.

A lettura ultimata del libro della Pivano, la famosa "semplicitÓ" della prosa di Hemingway pare scaturire anche dall'esistenza provocatoria e rivolta all'essenziale condotta dal suo personaggio, come per esigenza drammaturgica d'attrito, e la vita e 1'opera dello scrittore sembrano incastonate in un progetto che le trascende.

Il progetto di mantenere sempre nel punto di maggior equilibrio e conflitto la vita e la morte, 1'illusione e la disillusione, senza permettere a nessun costo una loro riconciliazione incosciente in una maturitÓ grave e sterile, priva di speranza e di disperazione.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Mer Apr 11, 2007 1:39 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Libri Letti&Svelati! Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB ę 2003 - 2008