Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Intervista a Sabrina De Palma di Salvo Zappulla
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Interviste
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
salvo zappulla







Età: 57
Registrato: 20/08/06 16:08
Messaggi: 17
salvo zappulla is offline 

Località: siracusa
Interessi: letteratura
Impiego: editor


MessaggioInviato: Lun Ago 04, 2008 8:22 am    Oggetto:  Intervista a Sabrina De Palma di Salvo Zappulla
Descrizione:
Rispondi citando

Anime recise

Sabrina De Palma
Fermento pagg. 122 € 10,00

Sabrina De Palma è laureata in Psicologia, vive a Marsala, ed è alla sua seconda prova letteraria con questo romanzo pubblicato dalla Fermento. Un romanzo dai contenuti decisamente forti, che tocca argomenti scabrosi quali l'incesto e la violenza sessuale. Sicuramente la materia trattata richiede estrema delicatezza e lei ci ha messo tutta la sua professionalità di psicologa per andare a scavare nell'animo dei personaggi. L'incesto è l'argomento tabù per eccellenza, condannato da tutte le civiltà e le grandi religioni. La sua proibizione – come diceva Malinowskij- è la costante universale che segna il passaggio dal puro stato di natura a una società umana. Sabrina conosce bene i complessi di Edipo nei maschi e di Elettra nelle femmine.
Chiara, la protagonista del romanzo, è una trentenne disinibita, anticonformista e ribelle, ha deciso di vendere il suo bellissimo corpo a facoltosi signori, prostituendosi nelle camere d'albergo. Lo offre al miglior offerente, in cambio ha la possibilità di una vita agiata. Non le interessa l'amore con la A maiuscola, perché non lo ha mai conosciuto. Chiara è il risultato di quello che anni di abusi e di sofferenze hanno fatto di lei. Ha trovato la forza di confidare a un diario prima le sue emozioni innocenti di bambina, e dopo i sogni infranti da un destino crudele. Ha trovato la forza di spezzare le catene e decidere da sola come spendere la propria esistenza, alla fine ne emerge un personaggio autentico e molto più sincero di tanti altri ammantati di ipocrita perbenismo. Una storia che ha la sua bella morale e deve servire a smuovere le coscienze, scritta con eleganza e padronanza della materia narrativa

Ho incontrato Sabrina a Trapani, la città dove lavora per la Stanhome, azienda internazionale di vendita diretta, ricoprendo il ruolo di Direttore Commerciale della filiale di Trapani. Quale occasione migliore per scambiare quattro chiacchiere sul suo libro, seduti a un tavolinetto del bar a consumare il caffè e le prelibate paste di mandorla trapanesi (naturalmente offre lei, come si conviene a una donna-manager).

D. Sabrina, questo è il tuo secondo romanzo, avevi già pubblicato con una piccola Casa Editrice locale, ma con la Fermento sicuramente hai la possibilità di essere conosciuta da un pubblico molto più vasto. Non ti fa un po' paura presentarti con un romanzo così duro, dai contenuti piuttosto violenti?

R. Parecchia paura! Infatti, ancora adesso stento a credere di avere avuto il coraggio di pubblicarlo. Ma vedi, la mia esperienza in Consultorio Familiare mi ha fatto capire che l’incesto è una realtà molto radicata nelle famiglie per così dire “a rischio” ma, nonostante ciò, poco denunciata. Questo dipende dal fatto che la violenza sessuale consumata fra le mura di casa non sempre viene percepita dal minore come violenza. Il fatto stesso che nasca proprio da chi dovrebbe amarti ed educarti provoca nel fanciullo enormi sensi di colpa. Il bambino pensa di aver in qualche modo provocato l’accaduto e quindi tende a difendere e a giustificare il suo carnefice. Allo stesso tempo, però, cresce con grossi traumi e con un rapporto deviato nei confronti del sesso fino al punto di pensare di essere, una volta divenuto adulto, una persona spregevole. Dubito che una persona con trascorsi simili possa nell’età adulta condurre un sano rapporto di coppia con il proprio partner sessuale.

D. La violenza alle donne purtroppo è un fenomeno sempre più diffuso, cosa si può fare secondo te per arginarlo?

R. Il mio romanzo non vuole essere una risposta al fenomeno della violenza sui minori. Vuole essere soltanto una denuncia sociale ed uno spunto di riflessione. Quando ho iniziato a scriverlo mi sono chiesta: “E se la mia famiglia non fosse stata capace di infondermi sani principi morali? E se fossi cresciuta nella miseria e nell’ignoranza? E se non fossi stata nelle condizioni di studiare? E se io e mio fratello non avessimo avuto la guida dei nostri genitori e fossimo stati costretti a difenderci da soli dal resto del mondo? Sarei stata la donna che sono? E così nacquero Chiara e Giuseppe.

D. Sappiamo che certi traumi infantili si ripercuotono negativamente per l'intera esistenza. Quanto è importante il calore di una famiglia sana per la formazione di un individuo?



R. È determinante. Per rendere l’idea sarei tentata di menzionare un paio di citazioni di autori importanti della Psicologia dello Sviluppo ma preferisco evitare. Ho sempre detestato le persone che per ostentare la loro saccenza si arroccano dietro belle parole di qualcun altro. La maggior parte delle nostre fobie e delle nostre insicurezze trovano le loro radici nella nostra infanzia. Purtroppo, i traumi subiti in età evolutiva hanno effetti nefasti, a volte irreversibili.



D. Torniamo a parlare del tuo libro: a mio parere Chiara, la protagonista del romanzo, nonostante l'apparente cinismo, la voglia di rivalsa sulla vita, il desiderio di vendetta, ne esce in maniera positiva. E' sincera, prende coscienza dei propri mezzi e li utilizza per se stessa. Sei d'accordo?


R.Assolutamente sì! Chiara è una donna che non ha più niente da perdere e quindi, non può che essere sincera. Attraverso questo racconto ritrova la sua ultima possibilità di “fare pace con se stessa”, di scrollarsi di dosso quei terribili sensi di colpa che hanno accompagnato tutta la sua esistenza e di gridare al mondo la sua sofferenza. Chiara capisce finalmente che l’unico modo per sopravvivere ai suoi sbagli è quello di accettarsi. Accettare se stessa e i suoi sentimenti.

D. Cos'è per te la scrittura e come la concili con il tuo lavoro?


R. Bella domanda! Continuo a chiedermelo. La scrittura è arte, è passione e libertà. Libertà di espressione, di viaggiare nello spazio e nel tempo senza l’affanno di dover preparare le valigie o fare la coda al ceck-in. Il mio lavoro è molto impegnativo, assorbe gran parte delle mie energie. Forse è proprio per questo che scrivo quasi sempre di notte approfittando del buio e del silenzio. Quando scrivo resetto la mia mente dai pensieri di tutti i giorni, mi depersonalizzo, entro nella storia, nella vita dei personaggi e comincio a creare.


D. Che reazioni hai ricevuto da quanti hanno letto il romanzo?

R. Orrore, fastidio, risentimento e tristezza ma anche tanta tenerezza e compassione. Una miscela esplosiva di sentimenti contrastanti. C’è chi pensa che Chiara sia la vittima di se stessa e chi invece la condanna.


Grazie Sabrina per la gentilezza (le paste di mandorla sono squisite, ne approfitto per prenderne un altro paio).


Salvo Zappulla
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Adv



MessaggioInviato: Lun Ago 04, 2008 8:22 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le vostre Interviste Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008