Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Prosa Poetica: "L'anima tra le righe".
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Mie Poesie
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Dom Feb 14, 2010 1:19 pm    Oggetto:  Prosa Poetica: "L'anima tra le righe".
Descrizione:
Rispondi citando

Oltre... un battito d'ali tra le righe.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


La presentazione di "Oltre" cominciava così, e prima del video ci sono queste parole.... Buona Lettura & Buona Visione!

-L’Anima tra le righe –

Scrivere vuol dire: dare vita alle proprie fantasie. La scrittura scrive la parola e altro, MA anzitutto il “tra le righe”. E proprio quella che si coglie tra le righe è la "scrittura interiore", la scrittura dettata allo Scrivente dalla sua Anima.

E’ per questo che uno scrittore umilmente e sinceramente, dovrebbe sempre dire che TRASCRIVE e non che SCRIVE.

Parole ascoltate, dettate, trascritte in un momentaneo istante, unico e irripetibile, che ha del miracoloso iniettato nell’umano, perché mentre lo scrittore compone: ama, odia, sogna, e inebria l'aria tutt’intorno della sua Anima, proprio perchè dentro l'anima, discende e indaga sempre più. In un momento per così dire “stratosferico” durante il quale non avrà più né capacità, né forza di volontà per arrestare il suo sentire, e come in trance cercherà di giungere alla fine di quel sentiero, un po’ in passo, un po’ in corsa, almeno sin quando l’Anima sfiancata, sussurrerà: “…è tutto!” ed Ella errerà nel tramonto chiamata dall’ultimo filo di sole.

Questa immediata e imprecisata inquietudine è il fondamentale bisogno di comunicare ciò che nasce all’improvviso dentro di noi, e dunque: esattamente quando ci si trova dinnanzi a un foglio bianco da riempire, uno spazio immenso per innumerevoli pensieri, che ti mordono dentro, che ti aspettano impavidi e ti sfidano. Come un fiume di parole che ti scorre in testa e non troverà argini se non su quel candido foglio e poi negli occhi del lettore.

Vi è dunque sempre una lacerante inquietudine che innerva la scrittura, ogni paragrafo, ogni frase, ogni parola ed è proprio questa che conferisce un senso metasemantico, magico, alla narrazione.

Ed è in quel sublime attimo della creazione, che sentirai scorrere i ruscelli, correre il corpo, sussultare il cuore, gioire l’anima... E resusciterai fantasmi dissolti, tra le righe del tempo, tra le pieghe della memoria.

E sorpreso ancora una volta, dall’inaspettato dono dell’ispirazione, ingenuo come un bimbo ti metterai in ascolto, delle voci lontane, sperando ancora di vincere questa grande battaglia con la pagina bianca mentre lei cercherà in ogni modo, spesso insultandoti, per distruggerti psicologicamente, prima che tu cominci a imbrattarla, inchiostrandola, di fermare te!

Così alla fine, orgoglioso e furioso combattente, con la unica arma che conosci tra le mani, fors’anche ormai vinto dalla stanchezza dell’iniziale duello, con coraggio e audacia affronterai quel foglio bianco, con un repentino e inatteso colpo di fioretto: la prima lettera, e poi giù ancora e senza tregua la prima frase, la prima pagina.

Eccola dunque: la quiete dopo la tempesta, ora il mondo resterà fuori, per un po’, chiuso a chiave e con doppia mandata; mentre tu resterai solo con te stesso, perso nel tuo mondo interiore.

E magari, sperso nel ragionare, te la riderai contando quante righe si intersecano sul pavimento, mentre cercherai di intendere le tue riflessioni e i tuoi pensieri, prima di metterli “nero su bianco”, rendendoli così involontariamente immortali e tramutandoli così come un esperto alchimista in paragrafi e colonne, ed è proprio tra quelle righe già scritte, e man mano sempre più numerose e più nette, che sai bene, che tra l’una e l’altra stai lasciando uno spazio bianco… Che verrà occupato dall’Anima e dunque dall’Infinito.

Arriverà poi il giorno in cui Lettore & Scrittore si perderanno all’unisono proprio nel vuoto tra le righe di un testo, quelle che lasciano spazio al respiro, alla ripresa della lettura e al tempo stesso a profondi pensieri.

E così via, sin quando lettore e scrittore, diverranno entrambi lo spazio vuoto tra le due righe, ovvero “un personale vuoto”: esattamente là dove il silenzio è l'anima di tutto, dove il cielo entra nel cuore e diventa universo.

Perché è così bello leggere libri?

Noi a questa domanda abbiamo voluto rispondere così (segue video):

********************

(ED ECCO COME PROCEDE ILTESTO, E QUESTE CHE SEGUONO SONO ESATTAMENTE LE MIE PAROLE POI MIRABILMENTE LETTE E RECITATE NEL VIDEO DA GIUSEPPE MINCUZZI)

Proprio per quegli spazi vuoti tra le righe, dove l’anima del lettore può insinuarsi, affermarsi, rappresentarsi.

Andrà così a finire che nel continuo tentativo di leggere e scrivere anche lo spazio tra le righe, il lettore e lo scrittore, troveranno qui, nello spazio libero, ognuno i propri ricordi, che ora rivivono tra le parole e con le parole, senza però mai annullare quel vuoto, che è un prezioso spazio di libertà.

Ed è in questo preciso istante di unione spirituale, che cominciando a immaginare gli spazi bianchi tra le righe, più bianchi dello stesso margine: ci si inoltra nell’oltre!

Perché solo nel silenzio d’un pensiero, potrai vedere l’anima e sentirla parlare…

L’anima è un pianoforte con molte corde. L’artista è la mano che, con questo o quel tasto, porta l’anima a vibrare... Poni domande all'autore e cerca la risposta nelle pagine che leggi, ricercando tra le righe e ascoltando la voce di chi scrive. Intraprenderai così un bel viaggio dentro l'anima di una persona qualsiasi, che però è anche te, è tutti noi.

Così, vicendevolmente, Scrittore & Lettore inizieranno a sfiorarsi l’Anima, perché ogni libro, che prenderete tra le mani possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto, e a questa sovrapposta l’anima di chi lo leggerà.... Dunque un libro con l'anima che ti chiederà: “Non sei curioso di entrare tra le mie pagine, di lasciarti trasportare dall’onda delle mie righe, quelle che il sogno muove e il sonno ferma?”

Infatti proprio come L'Anima del musicista vive tra le vibrazioni del suono, tra le righe dei suoi spartiti, tra le corde della sua chitarra! L’Anima del pittore vive nel dipinto, nelle sfumature dei suoi soggetti, nei colori sulla sua tavolozza! L’Anima del poeta vive nei suoi versi, nel foglio bianco che ha di fronte a se e che sta per riempire, nelle parole dette e in quelle taciute!

E in “Odore di Anime” se ci si ferma a riflettere, se si tenta di leggere tra le righe, di avvertire il non-scritto, il non-detto, affiorerà un qualcosa di piú profondo, comune ad ogni testo: e si coglieranno “parole invisibili” che sembrano una celestiale melodia perché ognuna di loro rappresentava l'anima di chi le ha scritte.

Sarai così ineluttabilmente sopraffatto da un libro, mentre con il fiato corto cercherai ancora, tra le righe il seguito di un'emozione. Una musica dentro, un'aria pensosa fuori… Righe tra le righe: non è più solo un suono, è un onda che travolge l'anima di chi incontra!

Perché scorrere le righe di un racconto permette, al lettore, di assistere al film fantastico che si svolge nella mente dell'autore. Sarà come vivere tra le righe di una poesia… E cogliere uno sguardo ed un sorriso che ti illuminano l’anima, e PROPRIO PERCHE’ ci si riconosce sempre in qualche maniera, nelle parole scritte con l’anima, quando si entra in punta di piedi in questo magico mondo della fantasia e dei sogni, e solo allora sembra di rientrare in sè stessi.

Andrà così a finire che come un attore, ti troverai immerso tra le righe, divenendo per un momento la riga stessa, e, tuffandoti in un'orgia di pensieri e di parole, andrai descrivendo in volo pindarico, sogni di terre e mondi lontani, in un andirivieni di sensazioni lancinanti là dove l'anima interiorizza il tutto!

Leggere è viaggiare senza fare un solo passo. E’ poter volare via coi pensieri e con l’immaginazione, quando meno te lo aspetti, per arrivare senza muoversi esattamente all’altro capo del mondo.

Leggendo ho visitato luoghi reali e immaginari, paesi reali che forse non visiterò mai, PERO’ con in contraccambio il dono che son stata in quelli che non esisteranno mai; sono riuscita addirittura a cavalcare la stella cometa, perché era esattamente lì che mi sentivo quando immaginavo la Grotta della Natività dall’alto; e già che c’ero trovandomi in un momento infinito e immaginifico, ho viaggiato in ogni tempo; ho vissuto vite d’altri; sono stata ciò che non sono; ho ad esempio circumnavigato nuovi pianeti, e in quel momento son certa esattamente mi sono sentita come Magellano; per poi essere catapultata in lontanissime galassie di cui non conosco neppure il nome, magari tramite uno stargate che mi ha fatto poi fermamente credere che gli “universi paralleli” esistono, e come in “Slighthing Doors” mandandomi avanti e indietro nel tempo, facendomi per di più incontrare una me stessa che fuori da quei sogni, non esisterà mai se non… Continuando a viaggiare tra le righe, in un mare di capitoli e pensieri, sconfinando così in nuovi mondi… E anche un po’ più in là!

Solo questo vuol significare: “Oltre…Un battito d’ali tra le righe”.

Perché questo tra le linee già arate e battute e i solchi bianchi di intermezzo, ancora tutti da scrivere, è stato il viaggio onirico, che ci ha permesso di fare la nostra Anima.

Speriamo, dunque, questo nostro libro possa essere anche il vostro, “volo pindarico” augurandovi in definitiva: Buona lettura e Buon Viaggio.

Caramente, Monia Di Biagio & Scritturalia.
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Copyright©2008Monia Di Biagio.®Tutti i diritti riservati.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Dom Feb 14, 2010 1:19 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Dom Feb 14, 2010 1:24 pm    Oggetto:  VIDEO DI SCRITTURALIA "L'Anima tra le righe".
Descrizione:
Rispondi citando

VIDEO DI SCRITTURALIA "L'Anima tra le righe".

Questo è il video che abbiamo realizzato con Giuseppe Mincuzzi (la voce è la sua, le parole sono le mie) grazie al bravissimo videomaker Michele Scattarella, che lo ha prodotto per noi, in occasione della Presentazione dell'Antologia "Oltre... Un battito d'ali tra le righe", svoltasi alla Libreria Rinascita Ostiense, a Roma. Adoro questo video, e ogni volta che lo rivedo mi commuovo sempre!



Testo di Monia Di Biagio - Voce di Giuseppe Mincuzzi (Er Poeta Metropolitano) - Videomaker Michele Scattarella.

...Lo scrittore perso nel suo mondo, in un solo "battito d'ali" della sua Anima, trascrive quanto ha nel cuore. Il lettore, se vorrà, solo potrà fargli l'onore di leggerlo: divenendo suo fratello, suo amico, suo compagno di ventura. Sarà così che due anime sconosciute e distanti, eppur ora così vicine, in un sol colpo, in un unico battito saranno unite!

Solo questo volevamo dire con "Oltre... Un battito d'ali tra le righe"!


Copyright©2008. Testo&Parole di esclusiva proprietà dell’Autrice Monia Di Biagio. ®Tutti i diritti riservati.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
maddy80







Età: 37
Registrato: 29/10/08 17:53
Messaggi: 35
maddy80 is offline 

Località: Sicilia




MessaggioInviato: Mer Mar 24, 2010 11:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Leggendo queste parole mi sono commossa perché mi sono riaffiorate le sensazioni che provo quando leggo un libro..a volte ci sono molte persone che non capiscono cosa ci sia di così eccezionale nel leggere un libro...e la spiegazione da dare non è così semplice, perché solo chi ama la lettura e trascorrere il proprio tempo sentendo quelle pagine scorrere fra le mani, e percepire la sensazione di emozionarsi mentre si legge un libro...
Quando si vede un film, a volte, capita che scende giù qualche lacrimuccia, ma l'impatto visivo è molto forte, e ci porta ad immedesimarci nell'attore..però è strano che la stessa cosa capiti leggendo un libro..eppure è così!! Quante volte sono scoppiata in lacrime leggendo un libro...anche se, quello che penso, è che le sensazioni possono cambiare perché influisce anche lo stato d'animo di chi legge, perchè se si è più fragili, si ha la tendenza ad immedesimarsi con il protagonista e magari provare le stesse sensazioni di dolore..ma se si è in un periodo di spensieratezza in cui niente e nessuno ci può toccare moralmente, allora la lettura è resa in modo diversa...a me è capitato di leggere più di una volta un libro..e la sorpresa è stata riscoprire che le sensazioni variavano sia nella prima che nella seconda volta...diverse percezioni..a volte tristezza, a volte gioia...perché "solo nel silenzio di un pensiero potrai sentire l'anima parlare.."
Il video è molto bello...complimenti!!!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato MSN Messenger
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Mie Poesie Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008