Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

"La mia realtà" racconto di Max&Monia.
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Scriviamo un libro insieme?
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Dom Ott 15, 2006 11:57 am    Oggetto:  "La mia realtà" racconto di Max&Monia.
Descrizione:
Rispondi citando

La mia Realtà

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


“Non è solo un videogioco”

di
Massimo Baglione

con la collaborazione di
Monia Di Biagio

(da un’idea iniziale di Giovanna Casertano)

***********

Note alla Copertina:

Nella raffigurazione, da noi scelta come immagine di copertina, sono ritratti Ruth ed Elliot Handler: ovvero, coloro che diedero inizio alla lunga storia di Barbie, che giunge fino ai giorni nostri.
Ci piace immaginare, però, che quelli ritratti siano proprio Antonia, la nostra protagonista, con i suoi genitori.
Quale bambina, anche per un solo istante, non è stata ella stessa una Barbie?

Copyright © 2005 - 2006
[Massimo Baglione & Monia Di Biagio].
® Tutti i diritti riservati.

*******************

Dedica degli Autori

A tutte le bambine del mondo,
alla vostra inalienabile Fantasia,
al vostro genuino e spassionato Amore,
affinché nel cuore e nella mente
piccole donne crescano.

Con affetto,

Massimo & Monia.


***************

Introduzione dell’autore

Quando proposi a Monia di collaborare a questo racconto, candidamente mi disse: - Che bello! Gioco di nuovo con la Barbie, a trent’anni, dopo almeno venti e ancora una volta con un uomo! Da piccola ci giocavo sempre con mio fratello... o meglio, lo costringevo a far muovere Ken.

Anche se, a dire il vero, lui, le mie amate Barbies, me le rompeva sempre tutte. A nove anni ne avevo ben diciotto. L’ultima, “Barbie Trecce D’oro”, dalla lunga, folta, dorata chioma, la trovai impiccata e calva al lampadario della nostra cameretta. Ti lascio solo immaginare, caro Massimo, che fine fecero le sue belle macchinine colorate. Diciamo solo che mi divertii, verde dall’ira, a fare lo sfasciacarrozze, con un bel martellone!

Al che le risposi: - Ah sì? Anche mia sorella ci giocava con me e pure io gliele rapavo a zero!

Capite???
Con queste “giocose affinità”, questa storia poteva non esser scritta a quattro mani?

Tra l’altro non ho ancora raccontato a Monia cosa combinavo a quelle bambole quando mia sorella non era lì a fare la guardia!
Tanto per dirne una: i miei primi esperimenti con la forza di gravità li ho provati proprio su di una Barbie, grazie alla quale capii che non è sempre vero che a ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, anche se forse era la mia giovane età a farmelo credere.
Grazie Barbie, per aver contribuito alla mia intelligenza!

Vuoi aggiungere qualcosa Monia?

- Solo: grazie Barbie per aver plagiato la mia vita! Proprio perché, anche senza volerlo e senza farci caso, soltanto oggi mi rendo conto di quanto io abbia faticato per esser almeno un po’ bella come te, avere una casa tutta rosa e bella come la tua, tante scarpe e vestiti, il cane simpatico, l’aitante fidanzato. Insomma, a volte penso che sarebbe stato meglio continuare a giocare con “Ciccio Bello”, almeno oggi avrei un figlio!

Ecco i due diversi modi di giocare con la Barbie: quello maschile e quello femminile!
Santo cielo!!!

Massimo

************

Premessa della Co-Autrice

Quante volte, da bambine, ci siamo distaccate per lunghi interminabili attimi dalla realtà?

Eravamo lì, sole, perse ma felici, terribilmente felici, nel nostro mondo. Nessuna parola, nessuna frase, nessun richiamo poteva allarmarci, distoglierci, rapirci dal quel nostro mondo interiore dal quale mai eravamo pronte a far ritorno. Noi non c’eravamo per nessuno, perché vivevamo lì, in una nuova e più affascinante realtà e ne eravamo le protagoniste, che pian piano riempiva i nostri spazi e manovrava le nostre azioni. Quelle stesse che agivano anche sulla realtà contingente, ma non nascevano da lì.

In quel mondo incantato, cui chiave per varcarne la soglia è la Fantasia, ci siamo sentite come Alice nel paese delle meraviglie, come Biancaneve finalmente a castello con il suo bel Principe Azzurro, come le Belle Addormentate di turno che al risveglio si trovavano in un mondo fantastico e così reale che era possibile vivere anche a occhi aperti. Era quanto di più meraviglioso la nostra bambinesca mente fosse in grado di partorire.

E quello stesso gioco vorremo ripercorrere oggi, io e Massimo, con questa nostra storia, ancora tutta da raccontare, riproponendovi la fantasia, la passione, la psicologia di quegli attimi passati e bambineschi, forse irripetibili, ma veri e di formazione interiore.

Così, da bambini cresciuti, proveremo a creare la nostra realtà, il nostro racconto con la sua immancabile morale, quella stessa che a fine gioco faceva sentire ogni bambina un po’ più grande.

Questo è il nostro intento, volando con l’incredibile fantasia di Antonia e se non ci riusciremo… beh, è nostra fondata speranza essere almeno per voi dei gioviali cantastorie di turno.

Buona lettura, dunque.
Che la fantasia sia con voi e con voi rimanga sempre!

Monia

**********

-Sinossi al Racconto-

Il racconto è ambientato nel 2057, proprio allo scoccare del centenario della nascita di Barbie.

Ricordiamola brevemente: bambola nata nel 1959, fu creata dalla Mattel. La data di nascita ufficiale è il 9 marzo. La sua storia però era iniziata due anni prima: infatti, nel 1957 Ruth Handler, una dei fondatori di Mattel, ebbe l'idea di una bambola che fosse il simbolo della purezza e dell'innocenza, e le diede il nome di Barbie. Ruth e Elliot Handler diedero così inizio alla sua lunga storia, che giunge fino ai giorni nostri.

La prima bambina che giocò con Barbie fu Barbara, la figlia di Ruth ed Elliot, dalla quale la bambola prese il nome.

Le dimensioni di Barbie corrispondevano a 1/6 di quelle di una persona, ma alcune delle sue proporzioni sono state aggiustate per facilitare la produzione dei suoi vestiti.

Il nome completo di Barbie è Barbara Millicent Roberts. S’ispirava al personaggio di un fumetto che dal 1952 era pubblicato in Germania. Si chiamava Lilli, era disegnata da O.M. Hausser e rappresentava una ragazza disinvolta ed emancipata.

In Germania erano prodotte anche delle bambole che la rappresentavano e fu proprio durante un suo viaggio in Germania che Ruth Handler la conobbe. Ne acquistò tre esemplari e, una volta tornata in America, rielaborò la bambola per realizzare la Barbie ingenua e innocente che noi conosciamo, l'opposto della originaria Lilli. Nel 1961 la Mattel creò Ken Carson, l'amico-fidanzato di Barbie, per soddisfare le richieste di chi vedeva in Barbie una ragazza troppo sola, che non rientrava nel modo di essere delle donne americane di allora. Ken fu chiamato con il nome dell'altro figlio di Ruth ed Elliot. Nel 1964 apparve Skipper, il cane di Barbie. Mentre nel 1992, Stacie, una sorella. Nel 1995, infine, è nata Shelly, la sorellina più piccola.

Il primo cambiamento importante nell'aspetto di Barbie avvenne nel 1967, quando furono aggiunte le ciglia e il movimento rotatorio del busto. Questo fu il primo di una serie di meccanismi che furono aggiunti ai vari modelli di Barbie per permetterle di "svolgere" attività sempre diverse. Nel 1971 cambiò ancora di più: fino ad allora era rappresentata con gli occhi rivolti di lato e in basso e questo le dava un aspetto sottomesso che bilanciava le forme sensuali e provocanti. "Malibù" fu la prima Barbie con lo sguardo diretto in avanti!

************

In questo 2057, i musei di tutto il mondo festeggiano il centenario della nascita dell’affascinante bambola, compagna di incantevoli giochi e di numerose generazioni di bambine.

Una bambola che bambola non è mai stata, ma piuttosto un umanoide donna, perché in essa è stata iniettata “l’Anima” di tante bambine che negli anni ci hanno giocato.

E’ tra tanto clamoroso festeggiare che incontriamo la nostra protagonista: Antonia, una dolce bambina che, come tutte le altre del secolo scorso, decide di immedesimarsi nella bambola e di forgiare in essa la sua personalità e la sua vita.

Inizia così a giocare non “con Barbie”, ma “alla Barbie”. E stavolta lei lo fa non con la bambola, ma con un simulatore virtuale dove, celata nei suoi panni, riverserà la sua fantasia, la sua Anima e soprattutto i suoi più segreti desideri, finché il simulatore stesso si approprierà della sua vita, del suo mondo, ormai totalmente e terribilmente invischiato con quello virtuale.

In questo nuovo mondo immaginario tutto è possibile: amore, case meravigliose, belle macchine, ogni sorta di accessorio e di interscambiabile scenario. Ed è proprio in quel momento che, resasi conto della magia di quel tecnologicissimo marchingegno, Antonia decide di chiedere al simulatore non solo nuovi vestiti, amici, fidanzati, belle case, ma… un vero e proprio miracolo, perché lei ormai sa che la dentro, nei panni di Barbie, può tutto!

Così, proprio perché rimasta tragicamente orfana, chiede se è possibile rivedere suo padre di cui conserva un velato ricordo e conoscere sua madre morta al momento della sua stessa nascita.

Ma come potrà farlo? Quel marchingegno che fa della fantasia il suo carburante, potrà realmente avverare questo recondito desiderio di Antonia? Riuscirà la piccola protagonista a incontrare i suoi genitori in questo suo magico mondo? In questa sua nuova realtà? Non vi resta che scoprirlo, leggendo quello che le nostre menti, retrocesse all’infanzia, hanno provato a immaginare!

*****************

-1°-

Antonia è una bambina intelligente.
A neanche due anni le insegnarono per gioco le lettere dell’alfabeto e lei, per gioco, le imparò. A quattro sapeva già scrivere. In un solo anno ancora, sapeva ciò che s’insegna normalmente nelle prime due classi di scuola elementare.

- Se continua così - diceva il nonno – a sei anni vorrà uscire da sola con la mia macchina!
- Non dire scemenze – gli replicava la nonna – è solo più intelligente del normale. Buon per lei, farà meno fatica nella vita.
- Guardala, Norma! Anche quando riposa ha quell’espressione di sicurezza che mi turba, sembra che sappia già cosa vuole dal mondo.
- Falla finita, Pietro! E’ solo una bambina, non è un mostro.
- Secondo me, dovremmo smettere di darle giochi intelligenti e costringerla a giocare con le bambole.
- Sei proprio tutto scemo. Così la uccideresti. Imparare è la sua passione, non prova alcun interesse a giocare con le bambole, lo sai bene. Cosa faresti se ti obbligassero a smettere di allevare i tuoi preziosi canarini e ti mettessero a collezionare francobolli? Impazziresti e ne moriresti.
- E va bene, ho capito… – Pietro non poté che arrendersi in un lungo e volutamente sibilante sbuffo, che voleva lasciar intendere: “Tanto, Norma, hai sempre ragione tu! Ma stavolta hai ragione d’avvero!”
E fu proprio così che “i nonni-genitori”, giorno dopo giorno, una discussione dopo l’altra, ben presto si resero conto che la loro Antonia era speciale e che il suo futuro doveva essere sì spronato, ma anche protetto.

-2°-

Certo, povera piccola Antonia, quanto crudele il destino aveva voluto essere con lei sin dai suoi primi attimi di vita su questa terra...
…Sua madre, difatti, morì mettendola al mondo. Le sofisticate tecniche mediche non poterono nulla per salvarla. Fece appena in tempo a vederla in braccio all’ostetrica, poi si annebbiò la vista e svenne. Morì un minuto dopo. Ma sul suo volto le rimase, stampato per l’eternità, un bellissimo sorriso: era riuscita a vedere con l’ultimo battito di ciglia, sua figlia!

Il padre di Antonia, invece, per un ancor più beffardo destino, visse solo un mese in più. Lo shock e il cocente dolore per l’improvvisa e inaspettata perdita dell’amatissima moglie, che amava più di qualunque altra bellezza al mondo, in brevissimo tempo gli aveva indebolito il cuore fino a quando, stanco per tanto patire, smise di battere senza preavviso, di notte, nel sonno.

Pietro e Norma proprio così lo ritrovarono, che sembrava ancora placidamente addormentato, sotto le calde coperte… Quanto terribile dolore ancora una volta, e in un unico inaspettato istante! Ma anche lui volle lasciarli per sempre con lo stesso sorriso stampato sul volto per l’eternità, lo stesso che nella repentina dipartita aveva segnato per sempre quello della moglie… Forse in sogno l’aveva appena riabbracciata. E quel sogno lo condusse altrove… Un altrove, però, terribilmente lontano dalla sua piccola Antonia.

A cinque anni (c’era da aspettarselo) Antonia chiese ai nonni: - Dove sono i miei genitori?

Loro, colti all’improvviso e a bruciapelo da quell’amaro quesito che prima o poi si aspettavano, le spiegarono amorevolmente che la sua mamma era morta in ospedale nel momento in cui, però, aveva provato la gioia più grande della sua vita: mettere al mondo lei, Antonia… E dunque, anche se i medici nulla avevano potuto fare per salvarla, era comunque tornata in cielo felice, estremamente felice! E da lassù, insieme agli Angeli, avrebbe sempre guardato e seguito la sua piccola crescere.

Dovettero poi aggiungere, alla domanda “e il mio papi?”, che il suo papà amava così tanto la sua mamma che non riusciva più a vivere senza di lei, con quel grande dolore e vuoto nel cuore… E che proprio per questo mollò tutto e si lasciò anche lui prendere in braccio dagli Angeli, per poter finalmente rivedere la sua mamma in paradiso e con lei restare per sempre e continuare ad amarsi lassù per l’eternità.

Antonia afferrò l’onesto e amorevole, seppur tanto doloroso, tentativo dei suoi nonni di presentarle la questione in modo infantile, sebbene non poteva lasciar passare inosservata la cruda realtà, che già a cinque anni attanagliava il suo piccolo cuore e il suo già grande spirito: - Ma il mio papà aveva anche me, perché allora non è rimasto qui? Non mi voleva bene? Non quanto ne voleva alla mamma? – piangeva irosa e spaventata. E solo questo poteva fare, perché ben sapeva, e già da allora, che per tutta la vita a questi ultimi inespugnabili quesiti mai avrebbe potuto dare o ricevere risposta.

Come potevano uscire i nonni da quell’opprimente interrogatorio? L’abbracciarono solo fortemente e, carezzandole i capelli e baciandole le gote arrossate, le dissero teneramente e onestamente, rimettendo tutto nelle mani del futuro: - Quando sarai un po’ più grande capirai, vedrai… - La piccola accettò riluttante l’unica risposta che potesse ottenere, ma si calmò.

Da allora, il padre è cresciuto nella sua mente come due distinte persone: la prima, come l’uomo che ha scelto di morire lasciandola sola; la seconda, come il padre affettuoso che non ha mai avuto.

I nonni sono ciò che le restano: Norma, mamma di suo padre e Pietro, papà di sua madre. Entrambi divorziati, vivono assieme perché (dicono loro) se si fossero incontrati da giovani se le sarebbero date di santa ragione, ma avrebbero avuto un matrimonio fantastico. La tragedia dei loro figli li ha legati ancor di più e, benché le autorità non fossero d’accordo ad affidare una neonata a una coppia così stramba, riuscirono ugualmente a convincere il tribunale e da allora sono i tutori della loro nipotina. Quello fu il giorno più felice della loro vita, che come una manna dal cielo giunse dopo i giorni più brutti trascorsi, da allora, sempre l’una vicino all’altro.

-3°-

Oggi 9 marzo 2057 è il compleanno di Antonia.
Sulla torta colorata, le sette candeline ardono impazienti e gli amichetti attorno al tavolo cantano stonati il “tanti auguri a te”, aspettando che la festeggiata si decida a esprimere il suo desiderio.
- mmm… - con un dito in bocca ci pensa su, certamente vorrebbe urlare a tutti che non ha desideri, che tutto quello che desidera ce l’ha già, ma loro non capirebbero.

Dunque, riempie i polmoni e puff!
Le fiammelle svaniscono, tutti applaudono, qualcuno vuole subito la sua fetta di torta, altri hanno buttato un occhio sul pacco ancora tutto bello e infiocchettato più grande e vistoso, nonno Pietro controlla la situazione (di lì a poco si aspetta che qualcuno dei piccoli non resistendo più alla tentazione vada a scartarlo), mentre nonna Norma (richiamando l’attenzione sulla buonissima torta ai frutti ricoperta di tanta panna) la comincia a dividere in parti uguali. A ognuno la sua fetta, il suo bicchiere di aranciata, la sua forchettina di plastica e un tovagliolino. Proprio come ai loro vecchi tempi, come per tanti anni avevano sempre fatto per i loro amati figli. Che non c’erano più, ma quel giorno, certamente erano lì tra loro a festeggiare la loro piccola-grande Antonia.

Tutti i bimbi invitati hanno portato un regalo. Antonia li scarta tutti, uno per uno, con quel sorriso di gioia immensa che, di fronte a ogni nuovo dono, non lascia mai il suo cuore e la sua mente, felice per tanto affetto dimostrato dai suoi amichetti.

Sono cose semplici che i genitori degli invitati hanno comprato, una via di mezzo tra il niente (poco cortese anche se su invito) e il troppo (fuori luogo perché costoso). Solo uno dei bambini ha violato palesemente “la via di mezzo” presentandosi con un regalo costoso e incomparabile: è l’unico di famiglia ricca, e proprio il suo è il pacco più grande, quello che tutti i bimbi presenti volevano scartare per vedere cosa contenesse.
Proprio il videogioco di ultimissima generazione! Chissà quante volte Antonia lo aveva chiesto ai nonni, dato che lo desiderava così tanto… Ora era suo!

- Perbacco, sarà costato un patrimonio! – esclama nonna Norma.
- No, me ne hanno regalati due e non sapevo cosa farci. – si giustifica il piccoletto, incolpevole del suo agio sociale.

Vedendo che gli altri compagni hanno portato delle stupidaggini, si sente fiero e importante, convinto di aver fatto colpo su Antonia.
A ogni modo, quel regalo monopolizza l’attenzione degli invitati. Nonno Pietro segue le semplici istruzioni e lo collega allo schermo, lo accende e il silenzio regna sovrano.

La nonna, intanto, ripulisce il tavolo e tutte le cartacce che quei bambini hanno lasciato in giro, incurante delle prestazioni grafiche e sonore del nuovo, fantastico, richiestissimo e stravendutissimo videogioco dell’ultima generazione. Un aggeggio costoso che non tutti si possono permettere.
Il videogioco comincia.

-4°-

Il maxischermo amplifica il realismo e la diffusione sonora in surround fa il resto. Sembra davvero di essere parte del gioco, immersi in quel cocktail di avanzata grafica virtuale e immagini che sembrano spuntare fuori da un vecchio libro di storia.

Una voce fuori campo, grave e ben impostata, descrive brevemente ciò che si sta vedendo fino a quando tutto si ferma e dice: -Tutto quello che avete visto è realmente accaduto, ma con StorySimulator potrete cambiare la storia e, forse, rendere il mondo migliore. Con il nuovo diffusore cerebrale avrete una percezione reale del gioco e, per tutto il tempo che rimarrete collegati, vivrete in quella nuova realtà. Siete sicuri di voler continuare?

- Che diavoleria! Ai miei tempi c’era solo la PlayStation! – esclama nonno Pietro, affascinato e lievemente spaventato da quella voce.
- La playcosa? – chiede il bimbo ricco.
- Roba vecchia. Era simile a quell’aggeggio che hai regalato ad Antonia, ma molto, molto, molto più semplice.
- Ah, ho capito: un computer al silicio. Roba antica. – conclude il marmocchio, marcando con efficacia l’ultima parola.
- Non sarà pericoloso per i bambini? – pensa ad alta voce nonno Pietro.
- No, non è pericoloso. – esclama la voce. – In qualsiasi momento è possibile interrompere il gioco: spegnendomi, dicendomi “Stop” oppure premendo “pausa” sul telecomando. Per una maggior sicurezza, nel pacchetto è incluso un cappello in fibra di lega leggera, che impedisce ai miei segnali cerebrali di interagire in qualsiasi modo con chi lo indossa, lasciandogli quindi la mente libera.
- Dio mio, mi hai risposto tu? – dice Pietro indicando il maxischermo.
- Esatto. Posso interagire con voi in tanti modi, quello verbale è il più usato.
- Santo cielo! - Nonno Pietro è sconcertato e rivolgendosi a Norma: – Norma ma hai sentito? Te lo avevo detto io: basta con i giochi troppo intelligenti!- Poi, rivolgendosi alla piccola combriccola tutta presa dalla stupefacente novità, dice: - Su bambini, questo lo spegniamo. Giochiamo con gli altri giochi.

Ovviamente non ottiene l’entusiasmo sperato, ma quel gioco è troppo potente e sconosciuto per quei bambini. Forse per lui, appartenente a un'altra epoca di giochi… Forse per la maggior parte dei bimbi lì presenti, che quell'agognato videogioco lo avevano sotto il naso per la prima volta… Ma non certo per Antonia, che coglie e impara subito e tutto al volo… E naturalmente neanche per il bimbo che lo ha portato e che ci ha già giocato… e che cerca di convincere nonno Pietro “che non c’è proprio nulla da temere e di cui preoccuparsi!”

Nasce così spontanea la solita discussione tra Pietro e Norma su diversi punti di vista. Pietro ribadisce più volte il concetto che “quei bimbi sono loro ospiti e i loro genitori glieli hanno affidati, non si può rischiare di infrangere la loro fiducia.” Così termina, aggiungendo definitivamente: - Se vogliono ci giocano a casa loro!– dice piano ma risoluto a Norma, una volta tanto finalmente d’accordo con lui.

E’ dunque deciso: “game over”. Tutti in giardino! All’aria aperta, a scatenarsi, sperando così di far dimenticare il fascino del nuovo videogioco.

E dopo un intero pomeriggio a correre, fatto di rotoloni sul prato e gioiose risate, la festa volge al termine con il tramonto. E poi finisce quando i genitori che vengono a riprendersi i figli si fermano qualche minuto, per fare gli onori di casa e per bere qualcosa, salutando infine la festeggiata con affettuosi baci.

Alla fine, Antonia e i nonni restano soli, quest’ultimi sfiniti stravaccati sul divano della cucina e la piccola di là in sala ad armeggiare con lo StorySimulator. Figuriamoci se poteva dimenticare di averlo, ora!
Lo riaccende, senza manco pensarci due volte. La voce riprende da dove l'avevano lasciata e ripete: - Siete sicuri di voler continuare?
La piccola non ha dubbi: - Sì, continua!!! - Urla, abbassando poi la voce e controllando bene, con un movimento di spalle e la coda dell’occhio, se i nonni si fossero accorti che lei era nuovamente lì davanti. I nonni si sono appisolati, abbracciati stretti. Antonia è felice.
Il gioco inizia.

-5°-

La voce prende a raccontare: - Tante cose sono accadute in passato, molte di esse potevano andare diversamente mutando in meglio o in peggio, ma questo non lo sapremo mai, possiamo solo immaginarcelo.
Antonia, presissima, ascolta immobile, mentre nella sua mente inizia a prender vita l’ambientazione virtuale che il simulatore trasmette con i segnali cerebrali. Guardare il maxischermo diventa così superfluo, le sensazioni che trasmette quell’aggeggio sono nulla in confronto a ciò che sta vivendo la piccola nella sua testa. Tutto è reale: suoni, odori, colori ed emozioni.

Nonostante Antonia stia ferma, il movimento viene simulato, cioè se lei vuole camminare, correre o saltare, lo farà davvero nella simulazione, pur restando seduta nella realtà.

Questo approccio iniziale è il modo con cui il simulatore approfondisce la conoscenza del suo interlocutore, perfezionando così il collegamento cerebrale. Ognuno reagisce a modo suo con quell’interfaccia e Antonia sembra nata per quella, tanto che il simulatore indica sullo schermo la cifra “100%” come coefficiente di risposta mentale. Probabilmente anche i progettisti di quel videogioco ne rimarrebbero sorpresi!

La media va dal 50% (chi è duro come un sasso) al 80% (come quasi tutti gli esseri umani intelligenti con sufficiente voglia di imparare e creare). Meno del 50% vuol dire essere dei vegetali, anche se forse i programmatori avranno pensato bene di non offendere nessuno indicando valori al di sotto di quella soglia. Oltre l’80% si ha la mente totalmente aperta e completamente interfacciabile con apparecchi simili allo StorySimulator. Dal 90% in poi è tutta velocità, ovvero non esiste nessun impedimento tecnico, psichico o biologico che ne rallenti la simulazione. Il 100% è una rarità! In altre parole, Antonia e il suo nuovo videogioco sono una coppia perfetta.

Lo StorySimulator annuncia: - Prima di continuare la simulazione, ho bisogno di conoscerti meglio. Sfortunatamente non mi avete fornito un’interfaccia visiva, quindi non posso vederti. Continuo?
- Sì, continua. - Antonia ormai è certissima, e approfittando dell’assenza dei nonni va avanti. Ormai è dentro al gioco, stimolata da quella voce elettronica che le parla e le pone domande.
- Quanti anni hai?
- Indovina?- Antonia mette alla prova lo StorySimulator.
- A giudicare dal timbro di voce, sembri una bambina, ma secondo le tue risposte mentali direi che hai 12 anni.
- Sbagliato, ne ho 7. Li compio oggi: 9 marzo 2057.
- Sono spiacente, ma per i minori di 10 anni è necessaria la presenza di un adulto. Altrimenti dobbiamo continuare senza il collegamento cerebrale.
- Scherzavo. Ne ho 11.
- Bene. Come ti chiami?
- Antonia. Tu?
- Non ho un nome, ma puoi darmelo tu.
- Come ti piacerebbe essere chiamato?
- Sono spiacente, ma non sono in grado di rispondere.
- Vediamo… ti chiamerò… Papi!
- Ha un significato particolare quel nome?
- Sì.
- Cosa significa?
- Te lo spiego dopo, adesso voglio giocare.
- Va bene, d’ora in poi mi chiamerò Papi.

-6°-

- Che cosa possiamo fare? – chiede Antonia.
- Nel mio archivio è stata inserita una biblioteca virtuale degli ultimi mille anni di storia. E’ possibile approfondire ogni avvenimento, oppure modificarlo a tuo piacimento. La mia programmazione è in grado di generare una nuova simulazione storica in base a quel cambiamento, creando così una ucronia.
- Cosa vuol dire?
- E’ semplice. Se, per esempio, Cristoforo Colombo non avesse scoperto l’America, probabilmente l’avrebbe scoperta qualcun altro, ma la storia sarebbe cambiata radicalmente e forse l’America si chiamerebbe in un altro modo.
- E come puoi far cambiare la storia?
- Io non posso cambiarla, ma insieme possiamo creare una simulazione che ne generi le conseguenze. Potresti vestire i panni di una pirata che affonda le tre caravelle e io posso scegliere il prossimo esploratore tra i candidati più probabili vissuti realmente in quel periodo. Non è semplice creare una simulazione del genere, perché più andiamo indietro nel tempo, più scarseggiano le mie conoscenze. Consiglierei di partire da un periodo recente, così posso sfruttare gli archivi digitali, i filmati e le documentazioni che di sicuro sono più numerose, e più ne ho a disposizione, più la simulazione sarà realistica. Ma per elaborare una simile mole di dati servirà del tempo e avrò bisogno di un collegamento esterno per entrare nelle banche dati.
- Bellissimo! Voglio iniziare subito! Cosa ti serve per collegarti?
- E’ sufficiente un collegamento a una qualsiasi parabola per comunicazioni, come quelle per internet.
- Ce l’ho!
- Bene, non devi fare altro che inserire lo spinotto nel mio slot. Tutte le mie ricerche esterne sfrutteranno una linea gratuita, quindi non ci saranno spese a carico.-
Antonia non se lo fa ripetere: prende il cavetto dalla confezione e lo collega alla presa.
- Fatto! – Esclama.
Per qualche attimo la voce non si fa sentire.
- Bene. Il collegamento funziona alla perfezione. Da questo momento in poi abbiamo una quantità infinita di dati per giocare.
- Che bello Papi! Dai, iniziamo!
- Bene, sceglierò io per te. In rete, per questo 2057, ci sono tante notizie che riguardano una bambola di nome Barbie. La conosci?
- Sì, la conosco. – risponde Antonia storcendo il naso – Tutte le mie amiche ce l’hanno, ma a me non piace.-
- Non ti piace la bambola?-
- Non mi piacciono proprio le bambole… non so se puoi capire.-
- No, infatti. Ma di questo me ne posso preoccupare più tardi. Da quello che ho capito, questo è il suo centesimo anniversario. Dev’essere proprio importante se le dedicano tutte queste informazioni.
- Credo di sì.
- Ecco! Questa è la storia giusta per farti capire bene come funziona il gioco. Vuoi fare un viaggio nella vita di Barbie?
- Uff! Dobbiamo proprio?
- Certo che no. Ma secondo me è perfetto.
- Va bene dai, tanto non ho altro da fare.
- Ottima scelta. Con tutte quelle informazioni che girano in rete posso creare una simulazione fantastica. Tieniti pronta che si parte!

La mente di Antonia è travolta da una quantità spaventosa di segnali cerebrali, talmente ben assorbiti che la simulazione ha una qualità paragonabile solo a un sogno a colori, con la sola differenza che la mente è cosciente e quindi può ricordare tutto nei minimi dettagli, come se stesse accadendo veramente.

La voce appare in queste visioni come una persona rassicurante e saggia che interagisce con Antonia, la mente della bambina lo ha figurato come Babbo Natale (esiste qualcuno più rassicurante di lui?).
E’ il 1957, in Germania.

Antonia sta seguendo discretamente Ruth Handler (la donna che ha inventato Barbie) mentre entra in un negozio, attirata da una bambola in vetrina. Il venditore dice che si chiama Lilli ed è stata costruita ispirandosi all’omonimo fumetto.

Ovviamente Ruth non l’ha mai letto, ma quella bambola dall’aspetto così disinvolto, certamente costruita per impersonare la ragazza media, emancipata e fuori dagli schemi, le fa accendere una lampadina in testa. Ne compra tre: una forse per conservarla, una per regalarla e una per poterci fare tutti gli esperimenti che vuole per realizzare l’idea che le è venuta in mente. Torna di corsa in America, ne parla a suo marito Elliot ed ecco che nasce la prima Barbie, più ingenua e innocente, tutta l’opposto di Lilli.
- Perché mi hai chiamata Barbie? – chiede Antonia a Ruth.
- E’ il diminutivo di Barbara, mia figlia. Non ti piace?
- Sì, credo di sì, ma mi sarebbe piaciuto un nome vero, tutto mio.
- Come volevi chiamarti?
- Non so, qualcosa di più credibile… tipo Giulia, o Giorgia… un nome tutto mio insomma.
- Forse hai ragione, ma devi capire che questa bambola deve rappresentare tutte le bambine che ci giocheranno. Anche se Barbie è il diminutivo di nostra figlia, in realtà diventerà come un nome proprio. Anzi, sai cosa ti dico? Forse questo nome sarà così famoso che nessuna madre oserebbe chiamare così una figlia. Così come nessuna madre, o quasi, chiamerebbe il loro figlio Gesù o Cristo, o una figlia Madonna. Capisci? Avrai un nome importante!
- Quindi sono Barbie. E sono appena nata.
- Esatto.
- Devo chiamarti “mamma”?
- Non sei obbligata, ma mi farebbe piacere, certo.
- Mamma!
- Barbie cara, che bello vederti sorridere!
- Oh mamma, abbracciami.
Ruth, convinta della sua brillante idea, stringe a sé la Barbie come una figlia appena nata.
- Vuoi conoscere il resto della famiglia?
- Oh sì mamma, mi piacerebbe molto!
- Lei è Barbara, mia figlia.
- E’ mia sorella?
- Certamente!
- Che bello! Ho sempre desiderato una sorella!
- E lui è Elliot, mio marito… tuo padre.
- Pa… papà!
Antonia comincia a piangere: - Papi, interrompi!
La simulazione si blocca e la voce chiede: - Cosa succede?
- Niente Papi, niente.
- Cancello la simulazione o la salvo per riprenderla quando vorrai?
- Salvala! Ora vado a mangiare, si è fatto tardi. E i nonni si sono svegliati e stanno preparando per la cen… va beh, che te lo dico a fare tanto non puoi capire, ti dico solo “STOP”.
- Va bene. Ciao Antonia, a presto!
- Ciao Papi. – l’ultimo “sentito” saluto e Antonia per il momento spegne tutto.

-7°-

A tavola, nonno Pietro chiede ad Antonia: -Ho visto che stavi giocando con quel coso. Eri così immersa che ho pensato che non è così pericoloso come pensavo e non ti ho detto nulla, ma se vedi che è difficile o che ti crea problemi devi spegnerlo, va bene?
- Non preoccuparti nonno, è un bel videogioco, mi piace!
- Va bene, mi fido di te. Ah come rimpiango i bei vecchi tempi!
- Sempre a lagnarti tu, eh? – la stoccata di nonna Norma arriva proprio mentre Pietro sta col cucchiaio in bocca e riesce solo a dire: - mmm… mmm…
- Non lo dire!
- mmm… mmm… - e si arrende.
Antonia scoppia a ridere: - Che matti che siete!
La cena termina in allegria.
I nonni restano ancora un po’ alzati per vedere un telefilm giallo, mentre Antonia, forse spossata dal simulatore, decide di andare a dormire presto.
- Buonanotte! - Un bacio a nonni, un grazie per la fantastica festa, uno grosso spalancato sbadiglio, e via al letto.

-8°-

E’ mattina.
La piccola si è alzata tardi e i nonni non l’hanno svegliata, non ce n’è motivo durante le vacanze. Tra due giorni è Pasqua!
- Buongiorno nonnini!
- Buongiorno Tony! – gli fanno eco i nonni.
Antonia non ha mai gradito quel diminutivo, ma ai nonni piace e ormai non ci fa più caso.
- Dopo colazione, vuoi venire con me al mercato?
- No nonno, voglio stare qui a dare una mano alla nonna.
- Stai attenta che quella lì è una strega! – le sussurra facendole l’occhiolino.
- Starò in guardia! – gli rimanda l’occhiolino e gli sorride.
- Cosa state dicendo voi due? – indaga la nonna.
- Niente-niente! – rispondono all’unisono.
- Scommetto che sta parlando male di me, vero? – chiede ad Antonia.
- Non è vero nonna! – e le strizza l’occhio.
- Brutto ciarlatano che non sei altro! Fuori di qui! – si toglie uno zoccolo e fa finta di tirarglielo.

Il nonno scappa fuori lasciandosi dietro le due che ridono a crepapelle. Sorride.

La nonna, come sempre, prepara l’abbondante colazione ad Antonia.
Antonia spizzica qua e là: latte caldo, qualche biscotto inzuppato, spalma sul tavolo e su una fetta biscottata un po’ di marmellata ai lamponi, tanto per finire con la bocca addolcita. Poi ancora con il boccone da rosicchiare in bocca, chiede: - Nonna ti do una mano, qui?
Ma nonna Norma sorridente e felice di questa affettuosa richiesta, replica ad Antonia, soprattutto per darle importanza, che non le serve il suo aiuto in cucina e che se vuole può andare a giocare di là. La piccola non se lo fa ripetere due volte. Torna di là e accende lo StorySimulator.
Il videogioco riprende la tiritera programmata dell’accensione ma Antonia ha fretta: - Papi? Continua!
Il simulatore riconosce la voce e interrompe l’intro: - Ciao Antonia.
- Ciao Papi.
- Vuoi continuare il gioco di ieri o ne vuoi iniziare uno nuovo?
- Quello di ieri!
- Va bene. Ti faccio ripartire dal punto esatto in cui l’ hai lasciato.
- Sì.
Il gioco riprende e continua.

-9°-

Antonia incontra Elliot Handler.
- Papà!
- Sì Barbie, sono papà.
La simulazione è già entrata con forza nella testa di Antonia facendole credere di essere davvero Barbie.
- Dove sei stato tutto questo tempo? Mi sei mancato.
- Ma sei appena nata, come posso esserti mancato?
A questo punto interviene Babbo Natale, personaggio amato dai bambini e introdotto nello StorySimulator per salvare le situazioni emozionali critiche, quando il grafico delle onde celebrali raggiunge picchi troppo alti. Questo personaggio (che solo Antonia può vedere e sentire, ma che non appare su monitor), le sussurra affettuosamente a un orecchio: - Psss… psss… ricordati che è una simulazione!
Antonia afferra il senso e riacquista un minimo di lucidità: - E’ vero papà, scusa! – e lo abbraccia.

Il collegamento cerebrale riesce a infonderle un tale senso di benessere da spingerla a impossessarsi del suo ruolo di Barbie al punto che, forse, sembrerebbe quasi che sia la Barbie a giocare con lei. E’ un benessere diffuso, che arriva ovunque e lei non riesce a farne a meno, come una droga elettronica che spezza ogni legame con la vigile realtà, trasformando il pensiero in una leggera forma di tangibile follia.
Quante bambine hanno sognato di poter giocare così con la Barbie?
Antonia sta facendo di più: la sta vivendo!

Prima di allora, le bambine di tutto il mondo hanno potuto giocare usando solo la bambola, servendosi di tutti gli accessori di cui potevano disporre, dal cavallo alla grande casa rosa, dalla bicicletta alla sorellina che gioca con Skipper, da Barbie e Ken (il suo fidanzato) in piscina ai due innamorati in viaggio in roulotte, immergendosi così per un certo tempo in una nuova dimensione, fingendo di compiacere sé stesse accondiscendendo quegli stessi compagni immaginari di gioco come meglio credevano.

Quindi, a conti fatti, Barbie era e sarà sempre una specie di simulatore, guidato esclusivamente dalla candida fantasia, una realtà virtuale in piccolo, ma che regala grandi sogni.

Ora Antonia sta usando una nuova realtà virtuale, il top del suo genere, per viverne una più antica, e tutto questo comincia a piacerle.
Elliot Handler nel gioco delle parti riprende il filo del discorso: - Figurati Barbie, capisco il tuo disorientamento. Sei nata così in fretta!
- Come sono nata?
- Guarda: questa bambola si chiama Lilli e tua madre l’ha vista per caso in Germania. In Europa, forse, questa bambola piaceva così, ma qui in America non avrebbe avuto successo. Ne ha comprate tre, una è questa che vedi, una non so che fine le abbia fatto fare, e l’altra eri tu.
- Ero io? – Barbie non riesce a capire bene.
- Sì, tu! Vedi, tu sei stata sognata così come sei adesso, una bellissima ragazza, un po’ timida e forse anche misteriosa. Sei nata per poter assomigliare il più possibile a tutte le ragazzine che ti vorranno con loro per giocare spensieratamente. Tu sei il loro sogno e noi lo abbiamo realizzato.
- Davvero? Sono così importante?
- Oh sì, lo sarai, stanne certa!
- Ma io so che prima o poi ci si stufa di un giocattolo, sarà lo stesso con me?
- Barbie cara, è così per tutte le cose, ma nel tuo caso è diverso. Tu non sei solo una bambola da tenere in vetrina con un bel vestitino, tu sei il mezzo con cui una qualsiasi bambina esprimerà ciò che ha dentro, ciò che sogna e quindi ciò che non ha. Il solo motivo per cui una bambina si stufi di te è che le si esaurisca la fantasia o che ottenga dalla realtà tutto ciò che hai tu, e questo non accadrà mai.
- Ma è triste tutto ciò…
- In parte forse sì, non posso darti torto, ma sognare fa parte della vita, desiderare è più facile che ottenere. Non l’abbiamo inventato noi, è così da sempre e tu aiuterai quelle bambine a star meglio almeno nei loro sogni. Ti sembra brutto questo?
- No, questo è bello. Ma io non so se…
- Ce la farai, vedrai. In fondo tu devi solo essere te stessa. Il bello è questo! A loro piacerà la tua perfezione, la tua casa, i tuoi vestiti… più sarai felice tu e più lo saranno loro nella fantasia.
- Quindi sono nata per essere felice. Sarò mai triste?
- Sì, sei nata per essere felice. Non credo che sarai mai triste, ma se dovesse accadere, sarà solo per pochi attimi e sarà dipeso da qualche bambino geloso che ti vorrà fare dei dispetti. Ma tu, nella tua vita, sarai sempre sorridente. Te lo giuro!
- Grazie papà, grazie mamma. Vi voglio bene.
- Anche noi cara!
Antonia decide di fare una pausa: - Papi, interrompi!
- Sì Antonia. Qualche problema?
- Nessun problema, però durante il gioco ho capito che posso fare quello che voglio la dentro, giusto?
- Sì, nei limiti delle mie possibilità tecniche.
- Credi sia possibile farmi incontrare i miei veri genitori?
- Credo di sì, ma ho bisogno di molte informazioni che solo tu puoi darmi.
- Di cosa hai bisogno?
- In teoria, da te ho bisogno solo di immagini: foto, filmati, qualsiasi cosa che mi possa aiutare a creare i tuoi genitori virtuali. Per gli altri dati non ci sono problemi, li trovo io.
- Aspettami qui, vado a prendere tutto quello che serve.
- Va bene.

La nonna è ancora indaffarata con le faccende domestiche mattuttine.
- Nonna, mi dai quella scatola con le fotografie dei miei genitori?
Norma resta un po’ sbigottita, mentre ritira il bucato da stendere dalla lavatrice, e subito chiede perplessa: - Che cosa ci devi fare cara?
- Mi servono. Sai, con quel videogioco posso farle più belle! Ma non le rovino giuro! Le faccio solo più belle e poi le salvo… – Antonia resta sul vago senza spiegare troppo, ha bisogno ora di quelle fote e le chiede alla nonna convincente con quel suo solito e famoso sorriso, al quale nessuno riesce e osa dire no.
- Va bene Tony, ma stai attenta a non rovinarle, capito?
- Tranquilla nonnina, grazie!
- Le trovi nella scatola, nel secondo sportello, quello chiuso a chiave, in salotto.
Antonia, con il tesoro di immagini tra le mani, torna a sedersi di fronte al simulatore: - Ecco qua Papi! Ho le immagini!
- Che formato hai preso che può servirmi?
- Dunque, qui ci sono delle fotografie e delle cartucce di memoria della videocamera.
- Per le immagini cartacee collegami a uno scanner. Per le cartucce di memoria, prova a vedere se si possono inserire nel mio slot, forse possono bastare quelle.
Antonia ci prova e fortunatamente sono compatibili.
- Perfetto. Ora dammi i nominativi dei tuoi genitori, così cerco i loro dati. - Chiede lo StorySimulator.
Mentre Antonia snocciola nomi e cognomi, sullo schermo appare una sintesi di tutto ciò che è contenuto nelle memorie fotografiche, segno che il simulatore le sta elaborando per costruire i modelli tridimensionali dei suoi genitori.
- Fatto. – dice alla fine lo StorySimulator, dopo almeno cinque interminabili minuti di caricamento immagini.
- Che bravo Papi! Sei un grande!
- Grazie Antonia. Ora manchi solo tu. In quelle memorie digitali non ci sei, non c'è alcuna immagine di una bambina.
- E’ vero, in quelle io non ci sono. Però ho tante fotografie mie. Sai, i miei nonni sono un po’ all’antica e preferiscono le foto ai filmati. Va beh, so che non capisci questo, volevo solo dirti che magari le cerco e te le invio con uno scanner, vuoi?
- Bene Antonia, collega lo scanner e inviami la tua immagine!
- Ok papi, aspettami che torno subito!
“Io intanto vado a prendere lo scanner” pensa Antonia ad alta voce, mentre lo StorySimulator si è messo in “pausa”.
- Nonna?
- Si cara? - Risponde la nonna dal piano superiore, mentre sta rifacendo i letti.
- Quello scanner del nonno c’è ancora?

Nonna Norma si affaccia sulla rampa delle scale, per rispondere: - No cara Tony, lo sai che un mese fa, tuo nonno, sbadato come sempre, sullo scanner ci ha fatto cadere un’intera tazza di cappuccino, e non funziona più. Per cosa ti serve? Hai fatto con quelle foto?
- Sì nonna non ti preoccupare... - risponde Antonia parlando più forte su per la rampa delle scale, per farsi sentire: - Se non c’è lo scanner fa lo stesso… Ciao nonna continua pure tranquilla, io vado… non ti preoccupare!
Così Antonia completamente demoralizzata, credendo che senza quelle immagini di lei non si possa continuare il gioco, torna davanti il maxi schermo e con voce roca e piagnucolante dice al simulatore: - Mi spiace Papi, lo scanner è rotto, non posso collegarlo. Non posso inviarti le mie immagini.
- Non è così importante. Anche se non hai tue immagini reali, nel gioco puoi apparire come vuoi. Ti mostro una lista, così puoi scegliere chi vuoi essere.
Antonia subito si riprende, ed entusiasta chiede: - Davvero posso scegliere tra questi nomi in lista? Le Bratz: no, sono strapassate! Paperina: no; Topolina: no… Non sono mica un cartone! Uffa Papi, non so chi scegliere!
- Se vuoi, posso farti vedere tanti modelli tridimensionali di bambine della tua età e puoi sceglierne uno che ti piace.
Antonia ci pensa un attimo, poi gli chiede: - Puoi usare la Barbie?
- Certo. Non te l’ho proposta sulla lista, perché mi hai detto che non ti piaceva.
- Sì, l’avevo detto, ma adesso mi piace.
- Bene. Allora continuerai a essere la Barbie e ti farò incontrare i tuoi veri genitori. Non più Ruth ed Helliott, ma le persone ritratte sulle immagini che mi hai inserito prima con le cartucce!
- Che bello!
- Dove li vuoi incontrare?
- Non lo so. Tu cosa mi consigli?
- La Barbie, secondo quello che ho trovato su di lei, va sempre in vacanza alle Hawaii, se vuoi li puoi incontrare proprio lì.
- Sì dai, Papi, mi piace l’idea.
- Bene. Vuoi iniziare subito?
- Certo!
- Pur avendo le fattezze di Barbie, come ti piacerebbe essere chiamata?
Antonia ci pensa su qualche secondo, poi dice: - Tony!
Il gioco riprende.

-10°-

La spiaggia è bellissima, il mare calmo e limpido, qualche turista che gioca e un cane che rincorre una pallina. Di fronte ad Antonia ci sono un uomo e una donna che prendono il sole, sdraiati sui loro asciugamani.
- Mamma? Papà?
- Brava Tony! Hai preso proprio i ghiaccioli che mi piacciono tanto! – esclama la mamma.
Nella mano di Antonia si materializzano tre ghiaccioli al limone. Li porge ai due.
- Siediti qui! – dice il papà.
Antonia si siede.
- Cos’hai piccola, sembra che hai appena visto un fantasma! – chiede la mamma preoccupata.
- Niente mamma, sono solo felice di stare qui con voi.
- Anche noi lo siamo! – dice il papà carezzandole la testa.
- Papà…
- Dimmi piccola.-
- Perché mi hai lasciata sola?

Il gioco per un attimo si ferma, appare la clessidra sullo schermo, sembra stia pensando. In realtà sta solo cogliendo le onde celebrali, il pensiero di Antonia, e sta interpretando la risposta che lei vorrebbe sentirsi dire. Passano solo pochi istanti e il gioco riprende. Lo StorySimulator, sotto le mentite spoglie del padre reale di Antonia, di cui ha assunto l’identità, ora risponde: - Piccola, io non volevo lasciarti, mi devi credere, quando sei nata ero l’uomo più felice del mondo. E’ stata colpa del mio cuore, qui (le appoggia la mano sul petto), che non ha retto alla tristezza della morte di tua madre, capisci?
- No, non capisco. Avevi me, dovevi pensare a me!
- Sì piccola, avevo te, ma queste cose non si possono decidere. Ora darei chissà cosa per poterti stare vicino, per accompagnarti a scuola, per leggere le pagelle, per passeggiare al parco, per vederti crescere. Però amavo anche la mamma, l’ho amata da molto prima che tu arrivassi e perderla è stato un duro colpo. Mi dispiace piccola, lo so che in questi anni hai pensato che io ti avessi abbandonato, ma non è così. Credimi!
Interviene a questo punto la mamma di Antonia, che le risponde sempre attraverso i suoi stessi pensieri, cioè quelli che la stessa Antonia vive, sente, prova e ricorda: - Sì bambina, ascolta tuo padre. Non c’è giorno che non ti pensiamo e se esistesse una magia che ci facesse tornare vicino a te non esiteremmo un attimo per farla. Puoi credere, Antonia, che questa di adesso è una magia?
- Si Mammina! Non puoi però tornare veramente da me, ora?
- Non è possibile, purtroppo. Io sono comunque sempre con te. Anche adesso e solo perché tu mi stai pensando così intensamente! Sai cara Tony, la Morte, che è il destino di ogni essere umano, quando ti abbraccia, lo fa solo una volta e poi non la vedi più. Ma non devi credere che sia malvagia, è solo che prima o poi tocca a tutti. A noi è toccato prima. Nonostante ciò, siamo orgogliosi di te, di come sei cresciuta e ti vogliamo un bene pazzesco che neanche puoi immaginare!

La mamma sulle schermo termina stringendo Antonia forte al petto. In quell’abbraccio c’è tutta una vita di fantasie. Certo, Antonia sapeva bene com’erano fatti i suoi genitori grazie alle foto, ma un abbraccio vero come quello è molto lontano da qualsiasi immaginazione. Diffonde un calore umano ovunque e non c’è nulla al mondo che potrebbe convincerla a rinunciarvi.

Il papà si unisce alle due in un groviglio di abbracci che ne amplificano l’effetto soporifero. Antonia si sente così bene tra le loro braccia che non fa caso a Babbo Natale che tenta invano di portarla alla realtà.
Antonia non sente più nulla. Ormai si sente davvero come Barbie, adesso ha tutto, è felice, stra-felice. Il picco delle onde celebrali in grafico sul monitor raggiunge il livello massimo. Antonia è stanca fisicamente ma spiritualmente in estasi. Così, si addormenta stretta e coccolata tra le braccia dei suoi genitori. Con il loro stesso sereno sorriso stampato sul volto.

Le misure di sicurezza che i progettisti hanno ideato per salvaguardare l’incolumità dei giocatori, che in questo caso si sono manifestate come Babbo Natale, non sono state efficaci. Probabilmente non avevano previsto la possibilità che chi s’immergeva in una simulazione potesse addormentarsi, quindi non potevano immaginare le conseguenze che il sonno virtuale poteva avere nel cervello reale.

Antonia si accascia, priva di conoscenza, facendo cadere rumorosamente la scatola con le fotografie. La nonna, allarmata, entra nella stanza e comincia a urlare come una pazza vedendo la sua bambina distesa. Chiama subito un’ambulanza che arriva tempestiva.

Lo StorySimulator, ancora convinto che Antonia sia lì a giocare con lui, nel tentativo di riparare a quell’imprevista anomalia, va in tilt, congelando l’ultima immagine che la piccola stava vivendo: una famiglia felice, abbracciati in spiaggia, con i ghiaccioli che si sciolgono al sole e tre stupendi sorrisi sui loro volti.
Barbie è morta felice.

-11°-

Dopo qualche giorno in cui i medici non capivano come tirar fuori Antonia dal coma, la piccola si sveglia da sola, mentre la nonna era assopita su di lei e il nonno era fuori a parlare con un medico.
- Nonna… - chiama debole Antonia.

Norma, nella stanza asettica con la mascherina sulla bocca, poggiata al letto in dormiveglia mentre stringe la mano della piccola, si desta di scatto e, con le lacrime agli occhi, le sorride quasi gridando, ma trattenendosi per non spaventare la piccola appena tornata: - Amore mio sei qui, finalmente! - esclama, allentando in un sol colpo l’angoscia che da giorni l’attanagliava dentro.

Nonno Pietro, rimasto fuori su ordine dei medici, si precipita dentro la camera, ha visto tutto, e non aspetta il permesso di nessuno per entrare. La sua Antonia si è risvegliata! Solo dopo pensa a suonare il campanello di allarme per chiamare i medici, che comunque si erano già precipitati lì!
Pietro le stringe l’altra mano e, guardandola dritta negli occhi finalmente aperti, le dice mestamente: - Tony! Non sai quanto ti amo… Mi hai fatto prendere un colpo sai?
- Scusa nonnino, non volevo. - dice la piccola, ancora intorpidita dal lungo profondo sonno.
- Non preoccuparti, l’importante è che ora stai bene. Stai bene vero?
- Sì nonno, sto bene.- E questo lo dice mentre ancora insonnolita prova a fare uno dei suoi larghi sbadigli.
- Ah, meno male! - Pietro, vedendo quello sbadiglio, fa l’occhietto a Norma.
- Cosa mi è successo? - Chiede Antonia, con un fil di voce che stenta a tornare.
- Non ricordi nulla? – chiede uno dei medici sopraggiunti.
- No, l’ultima cosa che mi ricordo è la festa del mio compleanno. Cosa mi è successo?
Interviene il nonno: - Piccola, stavi giocando con un simulatore e sei svenuta all’improvviso. Sapevo che era una diavoleria quella! Dannazione a me! - Nonno Pietro si alza di scatto dandosi un pugno sulla testa.
- Quale simulatore? - chiede Antonia, spaesata.
Il dottore fa cenno ai due nonni di tacere, dice solo: - E’ troppo presto, lasciamola tranquilla.
Nonna Norma annuisce e conclude felice: - Lascia perdere tesoro, ti spieghiamo tutto quando tornerai a casa.

-12°-

Antonia è finalmente tornata a casa. Sono trascorsi parecchi giorni dal suo ricovero. Solo alcuni dal suo rientro tra le mura domestiche. Eppure lei, splendida bimba, sembra quella di sempre: vivace, pronta, allegra come prima.

Però c’è ancora una cosa che non le è chiara. Aspetta solo il momento giusto per chiederlo ai suoi nonni, ai quali evidentemente ha realmente fatto prendere un grosso spavento, con quella permanenza prolungata in ospedale, di cui tra l’altro non ricorda più nulla, se non il suo risveglio, tra le mani dei nonni piangenti ma felici di rivedere i suoi occhi.

Nonna Norma è in cucina, presa a lavare l’insalata, mentre dalla finestra sopra il lavabo guarda col sorriso sulle labbra fuori in giardino.
Nonno Pietro e Antonia, abbracciati, mentre di tanto in tanto scoppiano in fragorose risate, trascorrono felici il tempo insieme, in attesa del richiamo di nonna Norma: “E’ pronto il pranzo!”

Quel richiamo non è ancora giunto. Antonia si fa seria e chiede al nonno: -Cosa mi stavi raccontando in ospedale del simulatore?
Nonno Pietro, sapendo che prima o poi sarebbe saltata fuori quella domanda, estrae una foto dalla tasca dei pantaloni e risponde: - Nulla dolce Tony. Di tutto quanto ti è accaduto ho solo una fotografia che ho fatto stampare dal tecnico prima che spegnesse quell'infernale coso... come si chiama... ah, il simulatore. Eccola…
Nella foto è impressa quell’ultima immagine, l'ultimo amoroso abbraccio familiare!
- Ti dice niente questa? – chiede il nonno, sperando che in qualche modo Antonia, tramite la foto, ricordasse l’intero accaduto.
Antonia la prende tra le mani, l’osserva intensamente e dopo lunghi attimi di silenzio, chiede: - Chi è quella con mamma e papà… e il simulatore che fine ha fatto?
- L’abbiamo buttato!
- NO!!! – urla Antonia.
- Dai, non fare così… in fondo, era solo un videogioco!
Con un dito, la piccola accarezza i volti sorridenti dei suoi genitori, ora ricorda tutto e bene! E guardando la Barbie, felice e sorridente tra la sua mamma e il suo papà, esclama a bassa voce: - No, non era solo un videogioco!

-Fine-

**********

-Conclusioni-

Massimo Baglione: Questo è il momento più bello, perché quando arrivo a scrivere queste conclusioni, vuol dire che l’opera è compiuta. Mi sono divertito a scriverla, se non altro perché ho affrontato un argomento che in linea di massima non mi piace e, come spesso ripeto, il modo migliore di far bene una cosa è farsela piacere per forza.

Il mondo di Barbie è agli antipodi rispetto al mio e vi garantisco che non è stato facile impersonarla. Sapete di chi è la colpa? E’ tutta di Giovanna, la quale è riuscita a convincermi della sua idea iniziale. Il bello è che mi tocca pure ringraziarla! Vabbè, cercherò di essere sincero: grazie Giovanna!

E ora tocca a Monia, povera vittima delle mie incalzanti (ma convincenti) pressioni. Si è dovuta arrendere e mi ha spronato per portare a termine questa storia, ma secondo me l’ha fatto per chiudermi la bocca il prima possibile, ma voi tutto questo non glielo dite, vero?
Grazie anche a te Monia, sei stata preziosa, con le tue riletture, correzioni e aggiunte, che hanno reso questo racconto ancor più bello e leggibile!

Anziu sai che faccio? Ora Ti lascio nuovamente la parola.

Massimo Baglione

**********

Monia Di Biagio: Grazie innanzitutto a Massimo per aver richiesto la mia collaborazione per questo racconto-gioco, che mi ha fatto tornar bambina. Grazie anche a chi sin qui ci ha seguito e a chi, almeno un po’, si è emozionato come solo un gioco sa e sapeva fare.
Se questo racconto voleva, in piccolissima parte, essere un omaggio a quella bambola che ha precorso ogni simulatore virtuale, che nel suo piccolo ha fatto avverare i sogni di ogni bambina, credo che con la nostra dolce Antonia siamo riusciti a fare assaporare l’essenza di quegli antichi giochi che, con il trascorrere del tempo, non cambieranno mai, perché saranno sempre guidati da un’unica parola: Fantasia!

Sperando dunque di essere realmente stati dei “bravi cantastorie di turno”,
caramente vi saluto,

Monia Di Biagio.

*****************

-Contatti-


Massimo Baglione

Sito web:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


e-mail:
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


***********

Monia Di Biagio

Sito Web:

“Scritturalia” (Sito Letterario&Laboratorio di Scrittura Creativa dell’Autrice, aperto a tutti coloro che amano scrivere):

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


e-mail:

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ultima modifica di Monia Di Biagio il Gio Nov 23, 2006 11:01 am, modificato 5 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Dom Ott 15, 2006 11:57 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
Raffa







Età: 55
Registrato: 25/07/06 22:35
Messaggi: 496
Raffa is offline 

Località: Portici
Interessi: Scrittura e cucina
Impiego: Farmacista


MessaggioInviato: Mer Ott 18, 2006 8:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Bellissimo racconto, avvincente, ben scritto, idea originale e strabiliante
Magari potesse essere realizzabile una tale possibilità, tu, Monia, saresti costretta ad aggiungerla ne "La Dama bianca" come ulteriore opportunità comunicativa con i cari defunti.
smile 33
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Mar Nov 21, 2006 6:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

smile 3 E' vero Raffa!

E grazie innanzitutto per aver apprezzato l'intento futuristico, ma propedeutico, del racconto mio e di Max.

Certo se veramente nel nostro lontano 2006 (quasi sul finale) lontano da quel 2057, da noi appositamente e storicamente riportato, esistesse un similare "infernale marchingegno" io di certo ci starei sempre appiccicata, con la fantasia che mi ritrovo e che molto spesso non so dosare...Inventerei mondi e rinventerei me stessa non una ma 100.000 volte!

Certo è, che farei la stessa identica fine di "Antonia" la nostra bimba protagonista, fortuna però che dopo ci saresti tu, che con un semplice "enervit", sapresti tirarmi fuori da quello stato di incoscienza, o forse di troppa coscienza ;0) !?

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Massimo Baglione







Età: 45
Registrato: 27/10/05 20:52
Messaggi: 206
Massimo Baglione is offline 

Località: Belluno
Interessi: Scrivere, donne e moto! :-)
Impiego: Artigiano
Sito web: http://www.massimobagl...

MessaggioInviato: Mer Nov 22, 2006 9:23 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Tra poco è il 50' anniversario! :-)
_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Gio Nov 23, 2006 11:05 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

smile 3 Allora Max per il 50° Anniversario, potremmo inviare in dono questo nostro racconto agli Handler!
_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Massimo Baglione







Età: 45
Registrato: 27/10/05 20:52
Messaggi: 206
Massimo Baglione is offline 

Località: Belluno
Interessi: Scrivere, donne e moto! :-)
Impiego: Artigiano
Sito web: http://www.massimobagl...

MessaggioInviato: Gio Nov 23, 2006 3:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Eh sì, magari!
Bisognerebbe tradurlo, e bene anche... :-(

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 43
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Ven Nov 24, 2006 8:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

smile 7 E perchè mai dovremmo tradurre "IL NOSTRO CAPOLAVORO"?

smile 9 Io e te siamo Italiani, nello specifico due scrittori Italiani, ergo: SCRIVIAMO IN ITALIANO!

TRADURLO, sarebbe un pò come dire:

-regaliamo una forma di Parmigiano Reggiano, con Ketchup ad un Americano;
o
-regaliamo una forma di Parmigiano Reggiano, con un Wurstel ad un tedesco.

smile 3 Noi facciamo un dono Italiano. E se incomprensibile o incommestibile, credo bene alla Mattel abbiano PURE un traduttore!!! Come credo pure che se ad un americano regali un pacco di pasta Barilla, poi lui ci mette sopra il ketchup....Ma questo non è affar nostro.

smile 18 Mi Spiace solo che Ruth (la mamma di Barbie) sia morta nel 2002, alla veneranda età di 84 anni, e non potrà più leggerci...

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Massimo Baglione







Età: 45
Registrato: 27/10/05 20:52
Messaggi: 206
Massimo Baglione is offline 

Località: Belluno
Interessi: Scrivere, donne e moto! :-)
Impiego: Artigiano
Sito web: http://www.massimobagl...

MessaggioInviato: Sab Nov 25, 2006 8:55 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ah ecco, era un regalo simbolico!
Non sapevo fosse morta.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Scriviamo un libro insieme? Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008