Indice del forum

Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio.

"Scritturalia" è la terra delle parole in movimento, il luogo degli animi cantori che hanno voglia di dire: qui potremo scrivere, esprimerci e divulgare i nostri pensieri! Oh, Visitatore di passaggio, se sin qui sei giunto, iscriviti ora, Carpe Diem!

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

LE FIGURE DI STILE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Guida Poetica-Letteraria.
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
Monia Di Biagio

Site Admin


SCRITTURALI


Età: 44
Registrato: 06/02/05 16:39
Messaggi: 5976
Monia Di Biagio is offline 

Località: Viterbo
Interessi: Scrivere & Viaggiare
Impiego: Scrittrice & Giornalista (Free Lancer)
Sito web: https://www.facebook.c...

MessaggioInviato: Ven Set 02, 2005 2:45 pm    Oggetto:  LE FIGURE DI STILE
Descrizione:
Rispondi citando

Le Figure di Stile

figure di sostituzione
figure d'insistenza
figure di opposizione
figure di rottura sintattica


Introduzione

Le figure retoriche si possono anche chiamare figure di stile perché è grazie al loro uso che un autore dà un particolare "stile" alla propria opera letteraria. Anche per chi non ha particolare interesse nel conoscere perfettamente la retorica può essere utile conoscere perlomeno qual'è l'effetto principale che esse creano, se non altro per facilitarsi l'analisi stilistica di un testo letterario. Fermo restando che il dizionario retorico (vedi nella sezione i Glossari Poetico-Leterari) rimane lo strumento più completo e preciso.

Figure di sostituzione

Sono tutte quelle figure per cui una parola con un certo significato viene sostituita da un'altra parola con un significato ad esso attinente. In questo gruppo si trovano la metonimia, la sineddoche, la litote, l'antifrasi. Spesso l'effetto ottenuto dall'uso di queste figure è quello di dare una visione più frammentata della realtà, di soffermarsi maggiormente sui dettagli (metonimia e sineddoche); oppure quello di attenuare il carattere negativo o troppo diretto di una certa realtà o di una certa espressione (litote, antifrase). Queste ultime figure retoriche, in particolare, erano frequentissime durante il periodo del Classicismo, quando era di rigore una poetica della "morale" e della "nettezza linguistica".

Figure d'insistenza

Qui si trovano tutte le figure retoriche che permettono, tramite ripetizioni o altri accorgimenti, un'insistenza su un certo concetto o una certa parte del discorso. Tra le figure di ripetizione troviamo l'anafora e l'assonanza; altre figure d'insistenza sono il parallelismo e il climax (che operano al livello della sintassi), e l'iperbole e la preterizione. Di solito queste figure vengono utilizzate quando si vuole ordinare il testo secondo un certo ritmo che sottolinea appunto, insistendovi sopra come un ritornello, alcune parti del discorso.

Figure di opposizione

Le figure di opposizione mettono accanto due cose che, per un motivo o per un altro, sono tra loro opposte. L'opposizione può verificarsi al livello della sintassi (chiasmo), del significato (ossimoro) o di pensiero (antitesi).
L'effetto ottenuto è quello di sottolineare l'esistenza di un conflitto. Si crea una "nuova realtà", presentandone gli aspetti meno evidenti. Si sottolinea l'opposizione tra due cose, ma anche, spesso, la loro intima unione.

Figure di rottura sintattica

Tra le figure che rompono l'ordine e la costruzione sintattica normale ci sono l'anacoluto, l'ellissi e lo zeugma. Queste figure retoriche creano degli effetti di sorpresa, e quindi svegliano l'attenzione del lettore che è portato a soffermarsi maggiormente sul testo. Esse quindi servono principalmente a mettere in rilievo una parte importante. L'ellissi, d'altra parte, omettendo alcune parti del discorso crea un effetto di accelerazione del ritmo e di condensazione del senso. Queste figure retoriche, proprio perché rompono l'ordine sintattico, creano spesso effetti comici e sono dunque molto utilizzate nella satira e negli epigrammi.

_________________
I Miei Siti On-Line: (profilo su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(pagina personale su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(gruppo Scritturalia su FaceBook)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email HomePage
Adv



MessaggioInviato: Ven Set 02, 2005 2:45 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Guida Poetica-Letteraria. Tutti i fusi orari sono GMT
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





Sito Letterario & Laboratorio di Scrittura Creativa di Monia Di Biagio. topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008